Home » Lufthansa vieta il saluto “Signore e signori”: “Non è inclusivo per gli altri generi”

Lufthansa vieta il saluto “Signore e signori”: “Non è inclusivo per gli altri generi”

by Cristina Gauri
2 comments
lufthansa signore e signori

Roma, 14 lug — La compagnia aerea Lufthansa e le consociate dicono addio al tradizionale saluto ai passeggeri «Signore e signori, benvenuti a bordo» perché poco inclusivo e discriminatorio rispetto a tutti gli altri generi. Del resto si sa, i generi non sono due (maschile e femminile) ma 64, come spiega la rivista Healthlife. Discriminare i restanti 62 potrebbe offendere qualcuno. Potrebbe farlo sentire escluso. 

Lufthansa dice addio a «signore e signori»

Così, per non scontentare chi si alza la mattina e decide di sentirsi trigender o non binary, o intergender, o un cavalluccio marino, Lufthansa mette in soffitta il medievale «signore e signori». Il saluto inclusivo verrà utilizzato anche dalle società satellite: Swiss, Austrian Airlines, Brussels ed Eurowings. Tutti gli equipaggi saranno quindi tenuti a usare un linguaggio «gender neutral, come ad esempio “Gentili clienti” o “Benvenuti a bordo”». Che a ben vedere non è per niente neutro: immaginatevi la Murgia salire su di un volo Lufthansa e sentirsi apostrofare come «gentili clienti». E la schwa? Non sarebbe meglio, a questo punto, «gentilε clientε»? Bene ma non benissimo, cara Lutfhansa.

Giustizia è fatta

A confermare la decisione è stata la portavoce della compagnia, Anja Stenger, pur senza specificare quando il provvedimento entrerà in vigore. «La diversità per noi non è una frase vuota, da ora vogliamo esprimere la nostra attenzione al linguaggio» ha dichiarato ai media tedeschi. Giustizia è fatta, quindi. D’ora in poi nessun trigender si sentirà escluso sui voli Lufthansa. Per quanto riguarda, invece, gli eterosessuali cisgender — cioè le persone che si riconoscono nel sesso biologico, cioè il 99% della popolazione mondiale — si mettano il cuore in pace una volta per tutte. Ha vinto l’1% di oligarchia genderfluida, la cosiddetta «minoranza oppressa» che da «oppressa» si appresta ad opprimere il resto del mondo.

Cristina Gauri

You may also like

2 comments

fabio crociato 14 Luglio 2021 - 2:38

E’ davvero indice di interessi pesanti in volo…

Reply
Cesare 15 Luglio 2021 - 2:01

Chi ha una precisa identità di maschio o femmina, cioè la stragrande maggioranza delle persone, dovrebbe rifiutarsi di volare con una compagnia che ci vuole imporre una visione del mondo in cui i sessi sono addirittura 64 o giu’ di li’.E’ evidente che fanno il gioco dei poteri occulti che ci vogliono levare ogni identità,inclusa quella sessuale, per farci divenire delle persone da controllare ed abusare sin da piccoli

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: