New York, 12 gen – Negli Stati Uniti la trasmissione “Extreme Love” ha portato il mondo a conoscere la “particolare” storia di Stephan Gaeth e Wyley Simpson.
I due si sono conosciuti a San Antonio, in Texas, e si sono innamorati.
Stephan ha 27 anni ed è un uomo gay. Wyley, il suo compagno, è invece transgender: in soldoni, una donna che si è sottoposta ad operazioni e cicli ormonali per diventare uomo.

Ma  proprio nelle fasi “finali” della sua transizione da donna ad uomo, Wyley scopre di aspettare un bambino.
I due hanno infatti confessato ai microfoni di Extreme Love di aver fatto sesso senza utilizzare il preservativo, convinti (chissà perché) di non poter concepire un bebé: il testosterone assunto sin dal 2012 da Wyley per il cambiamento di gender non avrebbe avuto effetto.
Oltretutto la (lo?) trasgender Wyley si è sottoposta solo all’operazione di asportazione delle mammelle ma gli organi riproduttivi sono “restati al loro posto” perfettamente funzionanti.

Comprensibilmente quando hanno ricevuto la lieta novella i due erano incerti sul da farsi: non erano sicuri di volere un figlio. Stephan ha infatti detto che “come persona gay, non ho mai pensato o pianificato bambini biologici“.
Ma tutto è “bene” quel che finisce “bene”: Wyley ha deciso di interrompere la sua “transizione di genere” e qualche mese dopo, come natura vuole, è nato il piccolo Rowan Fox.

“Non è una cosa che si vede tutti i giorni, un uomo che dà alla luce un bambino” ha detto Wyley al Daily Mail  “ma, allo stesso tempo, siamo ancora umani e voglio che le persone ci chiamino con i pronomi corretti e ci rispettino”.

I pronomi in questa storia sembrano essere l’ultimo dei problemi.

Ilaria Paoletti

3 Commenti

Commenta