Parigi, 16 lug – Da una parte i festeggiamentti, dall’altra gli scontri – anche duri – con le forze dell’ordine. Se da una parte c’è una nazionale multietnica, lodata dai commentatori di mezzo (tutto) il mondo, che trionfa al Luzhniki di Mosca e porta a casa la seconda coppa del mondo della sua storia, dall’altra c’è la vita reale che parla di un Paese nel quale la multietnicità non è certo un valore, semmai foriera di sempre maggiori tensioni che sono ritornate a galla la scorsa notte nascondendosi dei festeggiamenti.
Così, se dall’Arco di Trionfo è stato possibile vedere in mondovisione una folla festante nella quale faceva capolino anche una bandiera algerina – immagine più adeguata a descrivere tutte le contraddizioni della Francia odierna è difficile da trovare – nel resto delle strade della capitale e non solo è esplosa la violenza in tutta la sua drammaticità. Era già successo quando i Bleus avevano sconfitto il Belgio, guadagnando così l’accesso alla finale. L’8 luglio scorso, giovani immigrati di seconda e terza generazione avevano inscenato scene di guerriglia urbana, costringendo la Polizia a scendere in piazza in assetto antisommossa scagliando lacrimogeni per disperdere la folla.
Leggi anche – Rivolta degli immigrati: la Francia Brucia, mentre la stampa loda la nazionale multietnica
scontri francia 2Il successo in finale ha fatto il resto, con scene di guerriglia che hanno insanguinato la notte di Francia. Non che le forze dell’ordine non se lo aspettassero: già dal pomeriggio Ratp, l’azienda dei trasporti pubblici parigini, aveva deciso insieme alla prefettura che, in caso di vittoria degli 11 di Deschamps, le corse da e per i quartieri delle banlieues sarebbero state interrotte. Un tentativo (vano) di bloccare i teppisti: sugli Champs Elysées un supermercato è stato preso d’assalto da trenta sciacalli, riporta il quotidiano le Parisien, che parla anche di tensioni in molte altre zone della città. Non va meglio nel resto del Paese: a Lione la Polizia ha dovuto effettuare delle cariche per disperdere la folla, ad Arpajon giovani immigrati hanno preso d’assalto le forze dell’ordine bersagliandole con lanci di bottiglia, stesso discorso a Rouen e Mentone, mentre a Marsiglia altri giovani immigrati hanno assaltato un auotbus e dato fuoco alla fermata.
Nicola Mattei

5 Commenti

  1. Dato che la squadra francese è composta per la metà di campioni africani che hanno rinunciato alla loro nazionalità originaria, possiamo dire che è stata Africa-Croazia che è finita 4-2.

  2. Francia??? Una fogna fintamente multietnica dove il frocetto e suoi amici comunistelli dormono in quartiere dorati ed iper protetti , mentre le periferie sono allo sbando sotto l’egida islamico- tribale- magrebina e del luridume africano , tutti dediti allo spaccio e delinquenti seriali……..non ssra’ in grado la vittoria di un mondiale di ripulire la cloaca negroide-islamista francese………auguroni.

Commenta