Onu SiriaDamasco, 3 nov – Dopo aver assistito inerme alla trasformazione della Siria da stato laico, benché certamente autoritario, a un inferno di guerra e terrorismo, finalmente le Nazioni Unite si sono mosse e sono intervenute con decisione. Per esempio mandando… delle scatole di biscotti.

Ma se pensate che il gesto sia poca cosa, se credete che era davvero difficile fare di meno e di peggio, allora reggetevi forte: i biscotti erano scaduti e tossici. Almeno 200 persone, infatti, sono rimaste intossicate nelle città di Zabadani e Madaya, nei dintorni di Damasco, a causa di biscotti scaduti che sono stati distribuiti da un convoglio umanitario delle Nazioni Unite.


Le città siriane di Zabadani, Madaya, Fuà e Kefraya, erano state raggiunte lo corso 18 ottobre, dai soccorsi che erano riusciti a farsi largo tra i combattenti. I biscotti sarebbero di produzione italiana ed erano scaduti da settembre 2015, cosa che in verità renderebbe difficile pensare a un deterioramento delle derrate tale da avvelenare addirittura le persone. Probabilmente, quindi, gli alimenti erano non solo scaduti, ma anche mal conservati. Certo, per i 200 siriani scampati ai tagliagole sarà forse poca cosa qualche mal di pancia dovuto a bisocotti avariati. Ma di sicuro l’episodio è emblematico di cosa rappresenta veramente l’Onu negli scenari in cui davvero si gioca la politica mondiale oggi.

Giorgio Nigra

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here