Il Primato Nazionale mensile in edicola

Riad, 22 mag – Quando sigli un accordo da 110 miliardi per la vendita di armi puoi permetterti anche di farti riprendere mentre balli una tradizionale danza di guerra islamica, con tanto di spada in mano. Deve aver pensato questo Donald Trump durante la sua visita a Riad, mentre insieme al Re saudita Salman si esibiva nella Najdi Ardah, una danza tradizionale in cui due file di uomini armati di spade si contrappongono e ballano al ritmo di tamburi e poesie parlate. Il presidente americano, osservato da una perplessa Melania Trump, si limita ad un commento secco “That’s beautiful”, mentre un membro della famiglia reale gli spiega che si tratta di una “danza di guerra”.

La Najdi Ardah in origine era praticata dalle tribù delle regioni centrali della penisola arabica (quelle da cui provengono i Saud) ed era una danza augurale che i maschi della tribù praticavano prima di andare in guerra. Oggi ha perso la connotazione guerriera ma ha mantenuto quella augurale, essendo praticata abitualmente durante matrimoni, cerimonie ed eventi nazionali in tutta l’Arabia Saudita.

Davide Romano

Commenta