Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 30 nov – L’Eton college è il più prestigioso liceo maschile del Regno Unito. Fondato nel 1440 dal re Enrico VI, è da secoli la culla dell’élite britannica. Una scuola che è stata frequentata da George Orwell, Ian Fleming, Percy Bysshe Shelley e Aldous Huxley, ma anche David Cameron e Boris Johnson. Eppure, anche le più antiche istituzioni devono oggi fare i conti con la psicosi da politicamente corretto. E a farne le spese è stato Will Knowland, professore di inglese che è stato licenziato per aver tenuto una lezione sul «patriarcato».

Il tabù del patriarcato

La decisione è stata presa da Simon Henderson, il preside dell’Eton, che non ha affatto gradito una lezione di 30 minuti dal titolo Il paradosso del patriarcato. Qui il docente aveva osato sostenere che, nei secoli, qualità virili come la forza e il coraggio hanno portato giovamento a tutta la società, anche alle donne. Al tempo stesso, Knowland aveva anche pronunciato la grande eresia, ossia che un mondo senza uomini sarebbe deleterio anche e soprattutto per le donne. In buona sostanza, il professore ha messo in discussione il dogma femminista della «mascolinità tossica». Davvero troppo per i «fiocchi di neve» e per i talebani del politicamente corretto.

Guarda anche: Tutto il disagio femminista nella danza anti-patriarcato di «Non una di meno» (Video)

Studenti dell’Eton in rivolta

Il licenziamento del professore, tuttavia, non è andato giù agli studenti dell’Eton, che hanno firmato una petizione in difesa di Knowland. Come riporta il Daily Mail, infatti, ben 800 allievi del college hanno accusato il preside e la scuola di «ipocrisia, crudeltà e totale mancanza di spina dorsale», chiedendosi inoltre se l’Eton «non stia proteggendo la sua nuova immagine progressista alle spese di uno dei suoi docenti». E ancora: «I giovani e le loro opinioni si formano nell’incontro e nello scontro delle idee, che necessariamente implica controversie e discussioni accese». Il signor Knowland – hanno aggiunto i ragazzi – «è amato da tutti coloro che lo hanno incontrato», pertanto «si sentono moralmente obbligati a non assistere da spettatori a quello che sembra essere un caso di bullismo istituzionale».

Leggi anche: La famiglia si fonda sul «patriarcato». Basta con la retorica sui sentimenti

Cosa ne penserebbe lo studente Orwell?

Un’altra fonte interna citata dal Daily Mail ha dichiarato: «Eton è qui da quasi 600 anni e questa è una battaglia per la sua stessa anima. La cultura della cancellazione [cancel culture] ha ormai raggiunto il cuore della scuola. Ma il college è nato per essere un baluardo dell’apprendimento e della libertà di parola. George Orwell ha frequentato l’Eton. Che cosa penserebbe di tutto questo? 1984 doveva essere satira, non un manuale di istruzioni».

Vittoria Fiore

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta