sessistaParigi, 23 ott – “Il solo luogo in cui le donne sono ai vostri piedi”. Scegliendo questo slogan, probabilmente, l’AccorHotels Arena di Parigi, un gigantesco palazzo dello sport appena rinnovato, intendeva proporre una campagna “progressista”: il manifesto è infatti accompagnato dalla foto della tennista Victoria Azarenka in ginocchio dopo la vittoria dell’Open d’Australia del 2012.

La pubblicità è invero un po’ goffa, dato che nessuna grande competizione di tennis si è svolta in quella struttura né, a quanto si sa, ve ne sono in programma a breve. Ma il punto sollevato dalle polemiche presto scoppiate sui social non è questo, quanto il presunto carattere sessista della campagna.

Eppure il messaggio vorrebbe persino essere “moderno”: il solo modo per avere una donna ai propri piedi è vederla festeggiare per una vittoria. Tutti gli altri modi, par di capire, non sono ammessi. Niente da fare, lo spirito del tempo è poco indulgente con i giochi di parole sull’argomento, quale che sia l’intenzione di fondo.

Il vicesindaco di Parigi, Christophe Najdovski, titolare dei trasporti e dello spazio pubblico, ha stigmatizzato i manifesti. Alla fine il titolare cittadino di sport e turismo, Jean-François Martin, ha annunciato il ritiro dei manifesti e ha bollato la campagna come “deplorevole e sfortunata”.

Giorgio Nigra

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here