Il Primato Nazionale mensile in edicola

Damasco, 12 ott – Secondo quanto riferito da Newsweek, l’artiglieria turca avrebbe bombardato un contingente di forze speciali statunitensi vicino a Kobane, nel nord della Siria. L’attacco sarebbe avvenuto per sbaglio, com’è stato poi chiarito, ma un alto funzionario del Pentagono ha detto che i bombardamenti erano così pesanti che i soldati americani hanno preso in considerazione la possibilità di rispondere al fuoco per legittima difesa. Le attuali regole di ingaggio per le forze statunitensi continuano infatti a essere incentrate sull’autodifesa e il Pentagono, malgrado l’annuncio di Trump, non ha ancora diramato alcun ordine per un completo ritiro dalla Siria.



«Niente più errori»

Dopo una serie di conferme e smentite, il Pentagono ha infine ammesso che l’attacco ha effettivamente avuto luogo, ma che si è trattato di un «errore» e, inoltre, che non sono stati registrati morti, ma solo qualche ferito non grave. Come ha spiegato il portavoce della Marina americana, «l’esplosione è avvenuta a poche centinaia di metri da una località fuori dalla zona del meccanismo di sicurezza, in un’area dove i turchi sanno che sono presenti forze statunitensi». Per questo motivo il portavoce ha lanciato un monito alla Turchia: non saranno più ammessi errori del genere, altrimenti «potrebbero comportare un’azione immediata da parte degli Stati Uniti».

Black Brain

Gabriele Costa

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta