Il Primato Nazionale mensile in edicola

Mosca, 11 dic – Una soldatessa russa che ha vinto un concorso di bellezza è stata cacciata dalla Guardia Nazionale, ma ha affermato che “l’invidia”  è la ragione della sua esclusione dal corpo (che è sotto il comando diretto di Vladimir Putin). I portavoce del corpo militare, però, la pensano diversamente.



La soldatessa russa e il video incriminato

Anna Khramtsova, 32 anni, madre di un bambino, ha battuto più di mille partecipanti per vincere il concorso nazionale di accesso al corpo militare, lo scorso anno. Ma ora è stata licenziata, apparentemente per aver pubblicato un video che mostrava l’interno dei locali di servizio in cui lavorava come soldatessa.

“Sono vittima del sessismo”

La soldatessa afferma di essere una vittima del “sessismo” nella guardia nazionale russa, e ora dice di aver affrontato l'”invidia”, soprattutto da parte delle donne nelle forze militari interne del governo russo. Il video che ha portato al suo licenziamento, che mostra un’operazione di disinfezione, è stato ora cancellato ma altri filmati e immagini rivelatori che mostrano il suo amore per le gare di bikini fitness potrebbero aver acceso la gelosia e portato alla sua uscita, o almeno così lei pensa.

Il ricorso della soldatessa

“Sono stata licenziata perché ho dato fastidio a qualcuno”, ha detto la soldatessa alla radio Govorit Moskva. “La ragione del mio licenziamento è stata insignificante, filmare un edificio amministrativo durante la disinfezione per sollevare il morale”. Solo una “cerchia ristretta di persone” avrebbe visto il filmato nella sua città natale, Ekaterinburg. La soldatessa sostiene che farà ricorso contro la decisione: ha detto ai media di E1 che la sua vittoria come Miss Guardia Nazionale nel concorso online si era rivelata “divisiva”. “I colleghi uomini si sono congratulati, mi hanno scritto molto, alcuni hanno cercato di incontrarmi personalmente. Ma molte donne nel servizio hanno persino smesso di salutarmi“.

“Comportamento  inaccettabile” 

Una fonte del corpo militare, composto da 340.000 guardie – e messo in piedi da Putin – ha detto al quotidiano Komsomolskaya Pravda che il video della soldatessa ha violato le regole: “La Khramtsova ha mostrato i locali chiusi delle truppe della Guardia russa. È inaccettabile. Il rispetto delle condizioni di servizio è obbligatorio per tutto il personale e implica la responsabilità personale del dipendente”.

Ilaria Paoletti



La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Se avessi filmato e pubblicato l’interno della caserma durante la naia, mi avrebbero deferito al tribunale militare.
    La differenza dove sarebbe stata ?

Commenta