Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 3 mar – “Quando Mao starnuta, il mondo si ammala”. E’ un proverbio inglese coniato nel primo dopoguerra e citato nel video dell’Istituto Luce che riproponiamo. Un filmato tristemente evocativo e che induce immediatamente a lasciarsi andare a paragoni storici. Le immagini mostrano scene di vita quotidiana nell’Italia del 1969, quando un’epidemia “arrivata da Hong Kong” (al tempo colonia britannica in Cina) generò una situazione molto simile a quella attualmente causata dal coronavirus. “Strade, uffici e mercati mezzi vuoti”, spiega il giornalista della Rai.



Strane analogie a parte, i numeri così come riportati nel video, ci narrano però di un bilancio generale che al tempo fu ben più drammatico di quello odierno: “13 milioni di italiani a letto, un italiano su 4. E cinquemila sono passati a miglior vita. Le strade, le fabbriche, gli uffici, i mercati, si sono mezzi vuotati. A riempirsi sono stati gli ospedali: doppi letti dunque, anche se le cliniche sono sempre le stesse”.

Black Brain

Resta il fatto che le parole del giornalista ci raccontano una storia di 50 anni fa quasi identica a quella che stiamo vivendo oggi: “L’epidemia di quest’inverno è nata a Hong Kong nel luglio del 1968, un anno e mezzo fa. Ha impiegato 18 mesi per arrivare in Italia ma in compenso ci ha colti del tutto impreparati.  Adesso che è quasi passata, è risalita al nord, ha varcato le Alpi, possiamo fare il bilancio. Negativo, senz’altro. L’influenza non è pericolosa? E chi lo dice?”.

 

Eugenio Palazzini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta