Roma, 20 lug – Nessuno si aspettava parole di circostanza, non è certo nello stile di Donald Trump. Il presidente degli Stati Uniti ha però spiazzato tutti, perché nel suo discorso per celebrare i 50 anni dello sbarco sulla luna non si è limitato a celebrare l’impresa americana con toni pomposi. Ha fatto molto di più, ha dichiarato infatti di aver ordinato alla Nasa “di mandare il prossimo uomo e la prossima donna sulla Luna e di fare il prossimo balzo gigante, inviare americani su Marte”.

Una sparata delle sue? Sembrerebbe esserci di più, perché Trump, oscillante tra l’isolazionismo promesso in campagna elettorale e l’interventismo classico degli Usa, prova così a ricalibrare la politica estera americana. L’Unione Sovietica non c’è più ma incombe l’avanzata tecnologica della Cina e in parte dell’India. Uno scenario globale sempre più multipolare che Washington teme.


Di qui l’altra dichiarazione, forse meno d’impatto ma sicuramente più significativa, che rivela gli intenti statunitensi: “La mia amministrazione è impegnata a ristabilire il predominio e la leadership della nostra nazione nello spazio per i secoli a venire”, ha detto Trump.

Eugenio Palazzini

Commenti

commenti

6 Commenti

  1. Ecco bravi andate sui satelliti e pianeti così andate via dall Italia, dall Europa e non andate più a fare e fomentare guerre in giro per il mondo.

  2. invece di rompere le palle allo spazio, brutto stupido, torna a fare accordi sul disarmo nucleare e sul clima…che è meglio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here