Abu Kamal, 9 nov – L’esercito del presidente siriano Bashar al Assad ha ottenuto un’altra importante conquista, strappando all’Isis la citta di Abu Kamal, detta anche Al- Bukamal. Era considerata l’ultima grande città sotto il controllo dell’Isis, e si trova a sud della provincia di Deir Ezzor. Stando a quanto riferisce l’osservatorio siriano per i diritti umani, Abu Kamal è ancora parzialmente sotto assedio e diversi feroci combattimenti sono ancora in corso nella zona.

Sebbene Abu Kamal sia una città abbastanza piccola, prima della guerra contava circa 40 mila abitanti, la sua importanza è strategica perché possiede un aeroporto ed è molto vicina, ancora più di Deir Ezzor, al confine iracheno. Da qui, negli ultimi tre anni, i miliziani inviavano forniture ai loro “colleghi” in Iraq.

Qui sono fuggiti i jihadisti che erano scappati da Deir Ezzor e da Qaim, in Iraq. Prima ancora qui erano confluiti i combattenti in fuga scappati da Mosul e da Raqqa. In tutto si pensa che in città ci siano ancora più di mille miliziani dello Stato Islamico, anche se non è chiaro quale sia la composizione etnica di questi jihadisti. Si ritiene assai probabile che gran parte di loro siano foreign fighters, disorientati perché poco pratici del territorio. Per questo è stato relativamente semplice per le forze governative siriane riuscire ad accerchiarli e a chiuderli in piccole aree nella zona del fiume Eurfate. Gli americani sostengono che in totale i miliziani rimasti siano ben di più e tra Abu Kahmal e i villaggi vicini siano tra i 2.500 e i 3.000.

Il fatto che anche Abu Kamal sia stata persa dall’Isis significa che in Siria il sedicente Stato Islamico avrà vita assai breve. Ne è convinto anche il presidente francese Emmanuel Macron, che dalla base militare di Abu Dhabi ha annunciato che ormai è questione di pochi mesi: “Quasi due anni, giorno più giorno meno, dopo gli attentati, abbiamo vinto”, ha detto Macron ricordando gli attentati del 13 novembre 2015 che hanno sconvolto la Francia.

Anna Pedri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta