Roma, 5 lug – Sparatorie, ancora sparatorie negli Usa. Questa volta ad essere presa di mira è stata la celebre festa dell’indipendenza statunitense. Due attacchi alle parate del 4 luglio, uno nei pressi di Chicago e l’altro a Filadelfia. Il bilancio senza dubbio più grave è quello della metropoli dell’Illinois: 6 morti e 31 feriti. Il killer, un rapper 22enne, è stato arrestato dopo una caccia all’uomo durata circa 8 ore. E’ stato intercettato dalla polizia mentre stava guindado la sua auto nella zona di Lake Forest, a nord di Chicago, ed è stato immediatamente portato in centrale per essere interrogato. Robert Crimo, questo il nome dell’attentatore, è stato descritto da uno zio come un giovane silenzioso e tranquillo, che non aveva mai manifestato atteggiamenti violenti. Secondo lo zio, interpellato dalla Cnn, il nipote passava molto tempo su Internet, in particolare su YouTube. “Era al computer in camera sua”, ha dichiarato. “Siamo brave persone, questa cosa è devastante”, ha detto l’uomo. Sui social circolano diverse foto del 22enne, definito un rapper con lo pseudonimo Awake.

Usa, sparatorie alle parate del 4 luglio: il racconto dei testimoni di Chicago

Stando poi a quanto raccontato dai testimoni, il killer ha aperto il fuoco dieci minuti dopo l’avvio della parata ad Highland Park. Avrebbe sparato con un fucile sulla folla, migliaia di persone per strada, da un tetto di un palazzo.
“All’inizio pensavo fossero i fuochi d’artificio, non avevo capito che fossero spari”, ha detto una testimone. “Poi ho iniziato a vedere gente insanguinata che urlava e scappava. E’ stato orribile”, ha raccontato la donna. “Era una scena caotica. Ho provato a chiamare la mia famiglia e ho scoperto che si erano rifugiati all’interno di un edificio vicino al percorso”, ha dichiarato un altro testimone. E ancora, un terzo presente alla parata: “E’ stato spaventoso, non ho mai visto nulla di simile in tutta la mia vita. Persone terrorizzate e ricoperte di sangue”.

Filadelfia, è caccia all’uomo

Spari anche a Filadelfia, dove un uomo ha aperto il fuoco sempre contro persone che stavano partecipando alla parata del 4 luglio poche ore dopo la strage di Chicago. Il bilancio, in questo caso, è di due poliziotti feriti. Sui social circolano video in cui si sentono diversi spari e si vedono le persone presenti alla festa scappare, mentre sullo sfondo va in scena uno spettacolo di fuochi d’artificio. Il killer non è stato ancora identificato, continua la caccia all’uomo da parte delle forze dell’ordine americane.

Alessandro Della Guglia

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta