Montreal, 11 giu – Il presidente della Federazione delle donne del Quebec, la transgender Gabrielle Bouchard, ha pubblicato un tweet lunedì che, anche se breve, ha scatenato un putiferio. In breve, molto democraticamente, la Bouchard propone la vasectomia per tutti gli uomini maggiorenni.

Trans che rappresenta le donne

“La vasectomia dovrebbe essere obbligatoria per gli uomini dai 18 anni di età in poi”, scrive la Bouchard su Twitter. La Bouchard è stata eletta lo scorso anno come presidente della più importante organizzazione femminile della provincia francofona, la Fédération des femmes du Québec (Ffq). Prima di diventare presidente della Ffq, ha lavorato per oltre un decennio con il Center for Gender Advocacy della Concordia University in qualità di avvocato per la causa dei trans ed educatore pubblico.

Le polemiche sulla sua nomina


La nomina della Bouchard ha attirato un’attenzione negativa nei giorni immediatamente successivi alla notizia – la signora, infatti, è nata maschio a tutti gli effetti. Denise Bombardier, giornalista del Journal de Montréal, ha scritto un pezzo molto critico nei suoi confronti, sostenendo che poiché la Bouchard è passata al sesso femminile da adulta, non poteva essere veramente in grado di comprendere la vita e le lotte delle “donne comuni”, tra cui l’esperienza della maternità e la cura dell’infanzia.

Provocazione femminista malriuscita

Se qualche utente ha stigmatizzato la scelta della trans femminista di scrivere su Twitter un intervento così crudo, altre sue sodali invece sono corse in suo soccorso spiegando la provocazione: “Dove eravate quando una gang di politici bianchi e maschi legiferavano sul nostro corpo? Dove eravate quando ci è stato tolto il diritto all’aborto?”, scrive una sostenitrice della Bouchard. Quindi, in virtù di un’oppressione più o meno fantasizzata da parte del patriarcato, va bene anche la proposta choc di castrare tutti gli uomini maggiorenni. La nuova deriva femminista raggiunge l’isteria – anche laddove l’utero (da cui deriva il termine isteria) non c’è.

Ilaria Paoletti

Commenti

commenti

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here