Se stai programmando un viaggio all’interno degli Stati Uniti e sei già in possesso di un passaporto valido per gli USA l’ultimo passaggio che ti resta da fare è quello di capire se hai bisogno di un visto, oppure se ti basterà compilare il modulo ESTA per gli USA.

Se sei cittadino italiano (o di un qualsiasi altro Paese aderente al Visa Waiver Program), se hai intenzione di recarti negli Stati Uniti per turismo o per altri particolari interessi ed attività e se la permanenza nel Paese sarà inferiore a 90 giorni, allora potrai attraversare l’oceano senza bisogno di richiedere un visto per gli USA. Questo nel caso in cui il tuo viaggio rientri in tutti e tre i limiti sopraelencati.
L’unico step che ti rimarrà da completare è quello di ottenere l’autorizzazione all’ingresso nel suolo statunitense servendoti del Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio, meglio conosciuto come ESTA USA (Electronic System for Travel Authorization).

Richiedi il modulo ESTA nell’apposito sito e rispondi alle domande che ti vengono fatte: ti verranno chiesti i dati anagrafici, gli estremi del passaporto ed alcune informazioni riguardanti eventuali malattie contagiose contratte o segnalare eventuali precedenti penali. Al termine di tutta la procedura dovrai inserire i dati della carta di credito con cui pagherai le tariffe per completare la domanda.

E’ importante sapere che sia il modulo ESTA che il pagamento possono essere completati anche da soggetti terzi (come amici, familiari o tour operator), ma sarai comunque responsabile della correttezza delle informazioni che verranno inserite per tuo conto.

Anche se, nella maggior parte dei casi, l’idoneità al viaggio è riscontrata in modo immediato, è consigliabile completare il modulo ESTA appena si è programmato il viaggio, per una questione di maggior sicurezza. E’ importante sapere che non verrà inviata nessuna mail di conferma ma potrai controllare l’esito della pratica direttamente sul sito dell’ESTA.

L’ESTA ha una validità di due anni, oppure fino al momento della scadenza del passaporto: dipende da quale delle due ipotesi si verificherà prima. Nel corso di questo periodo sarai libero di recarti negli Stati Uniti anche più volte senza dover richiedere una nuova autorizzazione di viaggio. Basterà che i viaggi successivi rispettino i limiti elencati in precedenza.

Ma cosa succede se la procedura non va a buon fine? Nel caso in cui la tua procedura ESTA USA non dovesse andare a buon fine dovrai attivare la pratica per richiedere un visto USA vero e proprio. Questo è possibile recandoti presso un consolato o un’ambasciata americana presente in Italia.

Alberto Palladino

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteLavorare come croupier, requisiti e opportunità di guadagno
Prossimo articoloTrump licenzia McMaster, alla sicurezza nazionale Usa arriva il “superfalco” Bolton
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

2 Commenti

  1. …per esperienza è meglio rivolgersi all’agenzia di viaggio con cui si prenotano i biglietti per il volo.
    Sarete così sicuri che la pratica venga espletata regolarmente e non sarete vittime di “sole” su siti civetta, che promettono di risparmiare e magari svuotano la carta di credito e non vi fanno il documento. In fondo sono 25€…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here