Il Primato Nazionale mensile in edicola

Wuhan, 18 ago – E pensare che il Sars-CoV-2 tanto tempo fa era conosciuto anche come “virus di Wuhan”. Ricordate quei tempi lontani, sette mesi fa, quando con stupore guardavamo a quei milioni di cinesi in quarantena. Poi gli appestati divenimmo noi, tanto da arrivare a invitare i medici cinesi per spiegarci un po’ come gestire la situazione, e loro a zonzo per Milano con Attilio Fontana ci bacchettarono perché “in giro ci sono ancora troppe persone senza mascherina”.

Festa grande al Wuhan Maya Water Beach

Adesso la situazione è completamente invertita: nel giorno in cui noi facciamo un passo indietro, chiudiamo le discoteche, imponiamo la mascherina all’aperto dalle 18 alle 6 e iniziamo a ipotizzare la non riapertura delle scuole, dal capoluogo dell’Hubei arrivano immagini incredibili: migliaia di persone ammassate in piscina che ballano musica elettronica, senza uno straccio di mascherina o di distanziamento. Il Wuhan Maya Water Beach è letteralmente invaso da cinesi festanti, accorsi per un festival di musica elettronica.

Il video della festa in piscina

Le immagini diffuse da Afp hanno generato polemiche a livello mondiale: tra chi accusa i cinesi di essere degli incoscienti e chi invece vede nella spensieratezza delle persone sudate e armate di ciambella, la prova che in Cina stanno avanti a differenza di chi in Occidente vive ormai una situazione di terrorismo psicologico. Ai posteri l’ardua sentenza, per il momento non possiamo che guardare con stupore alle mega festa in piscina.

Alcune immagini con le persone accalcate senza mascherina

Davide Romano

Commenta