Roma, 30 mag – Volodymyr Zelensky rimuove il capo sicurezza a Kharkiv, mentre Mosca effettua indagini su alcuni attacchi di Kiev sul territorio russo. È quanto si apprende dall’Ansa.

Zelensky, rimosso capo sicurezza a Kharkiv

Per Zelensky il capo della sicurezza a Kharkiv si è dimostrato inadatto, per meglio dire “non ha lavorato per la difesa della città”. Da qui la decisione di rimuoverlo dall’incarico. Secondo il presidente ucraino, in visita proprio lì, “le condizioni del Donbass sono indescrivibilmente difficili”. Questo sebbene il capo del governo di Kiev abbia sottolineato lo sforzo di tutti per rispondere alle avanzate russe.Nel frattempo, Mosca ha avviato investigazioni su quelli che definisce “nuovi attacchi al territorio russo” da parte dei soldati ucraini. Lo rende noto la Tass. Le due aree inreressate sono il  villaggio di Gornal, nella regione di Kursk, e su Zernovo, un altro piccolo centro nella regione di Bryansk. Nell’Est, i soldati del Cremlino hanno conquitato Lyman, mentre il leader della Cecenia Ramzan Kadyrov, sul suo canale Telegram dichiara che anche la città di Severodonetsk “è sotto il nostro completo controllo. La città è stata liberata. I residenti possono stare tranquilli: d’ora in poi non saranno più in pericolo”.

Erdogan ci riprova

Nel frattempo Recep Erdogan ci riprova, e la Turchia riprende la strada dell’intermediazione. Oggi, in particolare, Ankara chiamerà sia Kiev che Mosca, come confermano anche le agenzie russe. Erdogan ha intenzione di cointinuare chiedere ai due di “utilizzare tutti i canali del dialogo e della diplomazia”. Poi la “frecciata” sulla questione dell’allargamento dell’Alleanza Atlantica, agganciandosi ai timori di Mosca: “La Russia naturalmente non vede di buon occhio e non sostiene l’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato, ed è innanzitutto preoccupata dall’adesione di Helsinki con cui divide i confini”.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta