Vuoi sostituire le finestre della tua abitazione o stai comprando infissi per la nuova casa e non sai proprio come orientare la tua scelta?

Infissi e serramenti appartengono ad un universo vastissimo di prodotti, tra materiali diversi, modelli di aperture, colori, meccanica e caratteristiche di sicurezza e risparmio energetico.

Spesso questa scelta non risulta così semplice e bisogna informarsi molto bene su pregi e difetti di ogni materiale, valutando con estrema cura tutte le componenti che possono adattarsi in maniera perfetta al contesto abitativo dell’edificio in questione.

Abbiamo chiesto agli artigiani di Dako di analizzare con noi i vantaggi delle finestre in alluminio, dalla loro resistenza alla capacità d’isolamento termico e acustico, fino allo studio del design di questo materiale e la sua capacità di adattarsi perfettamente ad ogni contesto architettonico.

Abbiamo confrontato questo materiale con gli altri più utilizzati, come i serramenti in PVC, per capire punti di forza e differenze. Ecco tutto quello che devi sapere.

I principali vantaggi dei serramenti e degli infissi in Alluminio

Una delle caratteristiche migliori degli infissi in alluminio è sicuramente il design minimal e la resistenza del suo telaio.

A differenza dei profili PVC, quelli in alluminio sono adattabili a qualsiasi misura, contesto architettonico, garantendo la possibilità di costruire finestre e serramenti scorrevoli.

Ad esempio, gli infissi in alluminio vengono impiegati spesso per finestre a grandi vetrate poiché la resistenza del telaio permette di evitare l’inserimento di profili intermedi a sostegno della struttura. Tutto ciò permette di guadagnare spazio, luminosità e una resa estetica maggiore.

Un’altra caratteristica molto importante è la capacità isolante di queste strutture. Rispetto ai serramenti in PVC, l’alluminio presenta alti valori di trasmittanza termica, che si traduce con una scarsa capacità di trattenere il calore.

Grazie al taglio termico, una tecnologia studiata per incrementare il fattore isolante, le finestre in alluminio permettono un risparmio energetico elevato e grandi capacità d’isolamento, sia termico che acustico.

Oltretutto, per incrementare la capacità isolante, si può scegliere anche d’installare finestre a doppi vetri, che aumentano ancora di più il risparmio energetico.

Abbiamo accennato al design del telaio ma questo non è l’unico punto di forza in fatto di arredamento e architettonica.

Infatti, l’alluminio mette a disposizione una vasta gamma di colori che possono essere abbinati perfettamente ad ogni tipo di arredamento e di contesto abitativo, mantenendo intatta la loro resistenza e durata nel tempo anche quando si scelgono finestre con verniciature particolari.

Quanto costa installare un serramento in Alluminio

Ora, dopo aver sviscerato le caratteristiche degli infissi in alluminio, parliamo dei costi. Effettivamente rispetto ai serramenti in PVC l’alluminio presenta dei costi iniziali più alti ma, considerando la sua longevità, l’investimento sarà ripagato nel tempo.

Il costo d’installazione di un serramento in alluminio dipende da moltissimi fattori, tra cui: dimensioni, taglio termico e aperture.

Trattandosi di un materiale estremamente modellabile anche i suoi costi possono variare, specialmente quando si sceglie un prodotto che sia particolare sia per dimensioni che per tipo di apertura o numero di ante.

Anche i rivestimenti esterni contribuiscono al prezzo finale.

Tutte queste caratteristiche sono il motivo per cui l’alluminio presenta un prezzo iniziale più alto rispetto ai prezzi dei serramenti in PVC. Di contro, offre delle possibilità maggiori in tema di scelta sia estetica che meccanica.

Infine, non va dimenticata la messa in opera del serramento. Questa deve essere fatta da professionisti che rilascino una certificazione del fatto che il lavoro è stato portato a termine in maniera impeccabile.

Manutenzione degli infissi in Alluminio VS Infissi in PVC 

Tra i punti di forza degli infissi in alluminio uno dei migliori è sicuramente il fatto che richiedono pochissima manutenzione. Queste strutture, come i serramenti in PVC, sono estremamente resistenti sia al tempo che agli agenti atmosferici e, a differenza del legno non richiedono una manutenzione costante.

Le differenze tra la manutenzione di questi due materiali, in realtà, non sono molto marcate. Tutto ciò che richiedono è una pulizia adeguata e il controllo delle parti soggette a deterioramento, come cerniere e guarnizioni.

I produttori dei serramenti in PVC raccomandano di pulire queste strutture almeno 2 volte l’anno, utilizzando un panno antistatico per catturare la polvere e un lavaggio con acqua tiepida.

Stesso discorso vale per l’alluminio. Il lavaggio deve essere effettuato evitando l’utilizzo di prodotti aggressivi o abrasivi, per evitare graffi o danneggiare il colore delle vernici.

Per quanto riguarda le parti meccaniche, queste hanno bisogno di lubrificazione che si effettua utilizzando spray appositi.

Ecobonus

Abbiamo parlato di come l’isolamento termico sia una delle caratteristiche fondamentali nella scelta di finestre e porte. Questa caratteristica, oltre a rendere la casa più calda ed evitare sprechi energetici, può dare accesso ad una detrazione fiscale chiamata ecobonus.

L’ecobonus consiste in un’agevolazione per la sostituzione dei vecchi serramenti con strutture moderne che garantiscano l’efficientamento energetico dell’edificio.

Il risparmio energetico si valuta attraverso i valori di trasmittanza termica, diversi in base alla zona climatica dove è situata la casa.

Quando l’istallazione dei serramenti in PVC o in alluminio garantisce valori di trasmittanza termica pari o inferiori allo standard richiesto, si può avere accesso a questa detrazione fiscale del 50% sulla spesa sostenuta, fino ad un massimo di 60.000 euro per unità abitativa.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta