Roma, 27 set — Cade la sinistra e tutta l’armata delle tenebre dei più feroci tromboni del progressismo da terrazza romana, tranne la Boldrini. Il responso delle urne è stato impietoso. Cade il fronte dei big dai nomi più altisonanti, noti alle cronache per le altrettanto altisonanti sparate e per gli scandali più grotteschi. Gente a cui gli italiani hanno pagato lo stipendio per anni, in alcuni casi per decadi, come lo si pagherebbe non a dei servitori dello Stato, ma a dei saltimbanchi messi lì per intrattenere alla rovescia: incazzature al posto delle risate.

La Boldrini atterra in piedi

Bonino e i suoi peana sulla droga di Stato e la cittadinanza italiana anche agli opossum; Cirinnà, il cagnolino ricco e i 74 gender; Fiano che vede fasci littori anche nelle nuvole in cielo; Andrea Romano e le sue proposte di negare la parola a chi metteva in discussione il vaccino. Tutti a casa. Ci stava quasi pervadendo un senso di smarrimento: e ora di chi rideremo? Di chi riporteremo fedelmente gli sfondoni? Di cosa nutriremo i nostri lettori, ansiosi di atrocità woke mutuate dall’incubo gender made in Usa, proposte extraterrene al sapore di distacco totale dalla realtà, notizie false scodellate con nonchalance a supporto di tesi insostenibili, proposte di legge liberticide? A guardia di questo mondo, sentinella fedele della trincea che separa le Ztl dal mondo dei puzzoni, ne rimarrà una sola: Laura Boldrini, eletta nel blindatissimo collegio plurinominale Toscana2.

Ma non sarà più la stessa cosa

Certo, finché il governo reggerà non sarà più la stessa cosa. La Boldrini ci farà quasi tenerezza, con i suoi slogan frusti, il ditino stanco, a guardia esausta dell’uso delle desinenze in -a, confinata in un angoletto dove potrà nuocere in misura più contenuta. «L’esito di queste elezioni dice che il Pd deve avere una maggiore presenza tra la gente, nei luoghi di lavoro, dove le marginalità rappresentano un ostacolo allo sviluppo sociale, nelle periferie e tra i giovani». Laurona nazionale, ormai marginalizzata, a caccia di marginalità per rilanciare il partito. Dal Bosco verticale al Giambellino, Laura è pronta a tapparsi il naso, per il partito, per la gggente. Avremo ancora materiale per intrattenervi.

Cristina Gauri   

 

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Stronzo… Nome comune di cosa… Al femminile… Stronza visto che ci tiene tanto…. Mamma mia quanto male farà ancora…

Commenta