Il Primato Nazionale mensile in edicola

CasaPoundMilano, 15 ott – Si è svolto oggi, nella centralissima piazza Firenze, il presidio di CasaPound contro la decisione della giunta Sala e della prefettura di alloggiare altri 300 profughi in arrivo a novembre nella Caserma Montello che verrà appositamente riadattata a centro di accoglienza. L’ennesimo, in una città al collasso e che ha già accolto più di 4000 richiedenti asilo. “Stop immigrazione”, “difendi Milano” sono gli striscioni dietro i quali un centinaio di militanti del movimento hanno scandito slogan contro l’apertura di ulteriori centri di accoglienza.

“Milano è diventata ormai il più grande centro di accoglienza d’Italia e a farne le spese sono iCasaPound milanesi”, dichiara la portavoce cittadina del movimento, Angela De Rosa, “A parole la sinistra dice di voler riqualificare le periferie, ma nei fatti ci sono interi quartieri abbandonati al degrado. Mentre ci sono italiani che vivono per strada, dimenticati dalle istituzioni e senza tutele, continua lo sperpero di risorse per gli immigrati”. Contro le cooperative e le onlus che si occupano della gestione dell’emergenza profughi interviene anche il responsabile Massimo Trefiletti: “la nostra mobilitazione continuerà fino a quando non si interromperanno questi progetti che ormai rappresentano solo un business per i soliti noti”. Nell’ambito del presidio è stata anche allestita una tendopoli per simboleggiare il degrado in cui già versano molte zone di Milano. Al presidio erano presenti anche alcuni cittadini del quartiere, esasperati da una situazione che le istituzioni non sono in grado di gestire.

Aurelio Pagani

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta