Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 apr – Raggi di ignoranza, tra una gaffe e un’assurda trovata, “la sindaca” della Capitale ci ha ormai abituato a sparate raggelanti. Ma si può spacciare l’arena di Nimes per il Colosseo? Suvvia, non si confonderebbe neppure un alunno delle elementari. Eppure l’ardua, quanto imbarazzante, impresa è riuscita nientemeno che al primo cittadino di Roma. Pare incredibile, non fosse avvilente, che il sindaco della capitale sia riuscito a prendere un tale abbaglio. E invece Virginia Raggi ha colpito ancora, nel senso che ha pensato bene (si fa per dire, e ridere) di pubblicare sui social un video in cui sponsorizza la Ryder Cup 2023 di Roma.

La Raggi scambia l’arena di Nimes per il Colosseo

Peccato che al posto del simbolo dei simboli dell’Urbe, le immagini mostrino in apertura un altro anfiteatro romano: quello della città francese di Nimes. Splendida opera, senz’altro, è pure una delle arene di epoca romana meglio conservate. Ma non è il Colosseo e chiunque sarebbe in grado di notare le differenze a prima vista. La Raggi evidentemente no, neppure dopo cinque anni da sindaco della capitale d’Italia. Una gaffe che è molto più di una gaffe, è un macroscopico errore che dovrebbe indurre l’esponente pentastellato a una seria riflessione sulla propria ignoranza manifesta. Inutile dire che i cittadini romani – e non solo – hanno strabuzzato gli occhi vedendo il video pubblicato dalla Raggi.

Ironia social: “Se fossi di Nimes voterei la Raggi”

E l’ironia si è comprensibilmente sprecata. “Se fossi di Nimes voterei la Raggi”, scrive un utente. “Ma il social media manager che pago anche io con le mie tasse è anche lui parente, amico, compagno di scuola, liceo, università tuo?”, tuona un altro utente. E ancora: “Li perdoni Sindaca, nessuno di questi criticoni ha capito la sua finezza di voler sponsorizzare le famose olimpiadi di Nimes del 2024”. C’è pure qualche strenuo difensore dell’indifendibile, che nel commentare l’errore imperdonabile fa notare che ovviamente non è stata la Raggi a montare il video.

Certo, ma è stato pubblicato senza che lei battesse ciglio neppure diverse ore dopo. Così, giusto per mantenere quel pizzico di inutile boria che la contraddistingue. Lo staff della “sindaca” si è poi deciso a modificare il video, inserendo una chiesa di Roma al posto dell’arena di Nimes. Giusto per non sbagliarsi di nuovo, non foss’altro perché anziché il Colosseo stavolta avrebbero potuto inserire un altro anfiteatro romano. Magari quello di El Jem in Tunisia.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta