Il Primato Nazionale mensile in edicola

Washington, 21 gen – Clima, immigrazione e pandemia: Joe Biden si mette subito all’opera per cancellare quattro anni di amministrazione Trump. E introduce l’obbligo della mascherina. “Non c’è momento migliore per iniziare che l’oggi”. Così il presidente Usa ha commentato con la stampa l’aver voluto firmare già nel primo giorno alla Casa Bianca, subito dopo il giuramento, 17 “coraggiosi” ordini esecutivi, tra i quali quello che impone l’uso della mascherina in tutte le proprietà federali ed altre misure tese a ribaltare quelle assunte dal suo predecessore.

Biden firma 17 ordini esecutivi per ribaltare i provvedimenti di Trump

“Alcune delle azioni esecutive che firmo oggi aiuteranno il corso della crisi del Covid e a combattere i cambiamenti climatici in modi che finora non abbiamo usato”, ha detto ancora il presidente che ha definito queste azioni dei “buoni punti di partenza”. “Ma dobbiamo ancora fare tanta strada, queste sono azioni esecutive, ma abbiamo bisogno di leggi per molte delle cose che vogliamo fare“.

Gli Usa rientrano nell’Oms e nell’accordo di Parigi sul clima

Tra i 17 provvedimenti quello per fermare il processo avviato da Trump di ritiro della dall’Oms, un’organizzazione definita “essenziale” nel contrasto alla pandemia. Con un’altra misura poi si avvierà il rientro nell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, ribaltando quanto fatto da Trump. L’atto sarà depositato già oggi presso le Nazioni Unite e gli Stati Uniti ne faranno ufficialmente di nuovo parte tra un mese.

Stop al “muslim ban” e alla costruzione del muro anti-immigrati al confine con il Messico

Ma Biden ha voluto firmare altri provvedimenti simbolici per ripudiare le posizioni assunte dal suo predecessore. Con un altro ordine esecutivo infatti ha messo fine al cosiddetto “muslim ban”, con cui Trump per ragioni di sicurezza nazionale vietava l’ingresso da Paesi a maggioranza musulmana non alleati degli Usa. Altro gesto fortemente simbolico, lo stop alla costruzione del muro anti-immigrati al confine con il Messico. Con la cessazione immediata della dichiarazione di emergenza nazionale, condizione necessaria per finanziare il muro.

Biden blocca pure il gasdotto con il Canada e cancella la 1776 Commission per l’educazione patriottica

Tra gli altri ordini esecutivi firmati sempre per rimediare alle “malefatte” di Trump, la revoca dell’approvazione del gasdotto Keystone XL (mossa che però non piace al Canada, che intende ultimare il progetto). Ma anche la non discriminazione per il governo federale in base all’orientamento sessuale o all’identità di genere (in linea con la nomina da parte di Biden di un trans a sottosegretario alla Salute). Infine la cancellazione della 1776 Commission voluta da Trump per promuovere l’educazione patriottica, giudicata invece dai dem come propaganda nazionalistica.

Ludovica Colli

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta