Home » Corona no limits, a caccia pure dei documenti su Messina Denaro: cosa è successo

Corona no limits, a caccia pure dei documenti su Messina Denaro: cosa è successo

by Alberto Celletti
1 commento
Corona Messina Denaro

Roma, 20 lug –  Fabrizio Corona che mette il becco anche sulle vicende di Matteo Messina Denaro? A quanto pare, sì. Secondo quanto riportato da Tgcom24, l’ex fotografo ora sarebbe indagato per ricettazione.

Corona e i documenti su Messina Denaro

Da quanto è emerso finora, Corona voleva mettere le mani sui documenti riservati riguardanti l’arresto di Messina Denaro. Almeno, è ciò che si deduce dai fatti che hanno coinvolto un poliziotto e un carabiniere di Mazara del Vallo, ora agli arresti domiciliari per aver cercato di vendere la documentazione proprio all’ex-paparazzo. In particolare, se il carabiniere, Luigi Pirollo, è accusato di accesso abusivo al sistema informatico e violazione del segreto d’ufficio, il complice, ovvero Giorgio Randazzo (consigliere comunale della città) lo è per ricettazione. La stessa accusa di cui adesso è imputato proprio Corona, la cui casa milanese è stata appena perquisita. L’inchiesta è partita proprio grazie alle intercettazioni all’ex- paparazzo, che hanno fatto emergere l’intenzione dei due di vendere i file e l’interesse dello stesso Corona che in uno degli audio parla di uno “scoop pazzesco” continuando nei giorni successivi a manifestare l’intenzione di rivendere il materiale che il consigliere gli avrebbe procurato.

Un personaggio sempre sopra le righe (in ogni senso)

Di Corona ormai conosciamo le stravaganze e le assurdità. Semplicemente, quest’ultima va anche oltre ciò che potevamo umanamente immaginare. L’ex paparazzo, d’altronde, non ha mancato di rendersi abbastanza “colorito” anche negli ultimi anni, con le sue ripetute dichiarazioni riguardanti una sua prossima candidatura in politica. Anzi, ben di più, prevedendo addirittura un suo incarico come presidente del Consiglio in futuro. L’ultima sua dichiarazione nel merito, risalente all’aprile scorso, era stata piuttosto inequivocabile, pur nella sua stramberia: ““Ho sempre detto che sarei diventato prima dei 58 anni presidente del Consiglio. Ora è un po’ presto: ne ho 49”.

Alberto Celletti

You may also like

1 commento

Germano 20 Luglio 2023 - 8:30

È l’immagine reale dell’Italia, ma anche il carabiniere così come il consigliere comunale della città. Niente di nuovo, non è che siamo famosi nel mondo solo per la pizza e la pasta.
“Presidente del consiglio…” e ci credo…

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: