Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 3 lug – Respingimenti e chiusura dei porti sono politiche disumane che causano un aumento delle morti di migranti in mare? Assolutamente no. Il caso Australia documenta come invece sia l’unico modo per scongiurare le morti.

I respingimenti australiani dell’operazione Sovereign Borders del 2013, varata dal Partito Liberale di Tony Abbott, hanno ridotto a zero le morti della rotta verso le coste dell’Australia. A differenza dell’Europa e dell’Italia del Partito Democratico, l’Australia “non ha mai incoraggiato l’immigrazione clandestina esprimendo la tendenza a valutarla più come un fenomeno di criminalità da combattere, perché lede gli interessi nazionali, che come un’emergenza umanitaria”, spiega Gianandrea Gaiani1.
Questo argomentazione è stata ripresa il 2 luglio da Fabrice Leggeri, direttore esecutivo di Frontex (Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera). A conclusione del vertice dell’Unione Europa, Leggeri ha dichiarato: “Per molto tempo si è guardato soprattutto all’aspetto umanitario, e non a quello dei gruppi criminali che si arricchivano su questa miseria umana, prendendo in ostaggio morale l’Europa2. Ricordiamo che il direttore di Frontex fu il primo esponente delle istituzioni a spiegare il fenomeno del pull factor fatto dalle imbarcazioni di soccorso, ai tempi dell’operazione Mare Nostrum, troppo vicine alle coste della Libia3.
Torniamo all’Australia. Nel 2013, a causa delle numerosi morti di migranti che cercavano di raggiungere le coste australiane, il Governo decise di agire in modo intransigente contro il business dei trafficanti. Due operazioni congiunte sono state lanciate: Operation Sovereign Borders e la campagna di comunicazione “No Way”. La prima ha stabilito il piano dei respingimenti in mare dei barconi dei trafficanti trovati in acque territoriali, e la conseguente scorta della Marina Militare fino a quelle dei Paesi da dove essi erano partiti, principalmente Sri Lanka e Indonesia, con i quali l’Australia ha preventivamente stipulato accordi di collaborazione.
Nel caso in cui le imbarcazioni degli scafisti non fossero ritenute adatte alla navigazione, i migranti irregolari vengono trasportati negli hotspot della Papua Nuova Guinea e di Nauru, dove effettuare la richiesta di asilo e se accolta, continuare a vivere nelle due isole. Ovviamente il Governo di Canberra ha sostenuto questo accordo con aiuti economici. La campagna di comunicazione “No Way”, tradotta in diciassette lingue, è stata diffusa nei principali Paesi asiatici di origine dei migranti. Lo slogan è semplice e immediato: “No way you will not make Australia home”.

 
 
 
 
 
Se viaggiate in mare verso l’Australia senza un visto, sappiate che non farete mai dell’Australia la vostra casa. Questo vale per tutti: famiglie, bambini, bambini non accompagnati, persone istruite e lavoratori specializzati. Non ci saranno eccezioni” chiarisce il Generale Campbell, comandante dell’operazione Sovereign Borders, nel video diffuso nei Paesi di origine dei migranti.


Le pressioni accusatorie degli umanitari, dalla stampa pro immigrazione internazionale alle ONG guidate dalla sorosiana Human Rights Watch, non hanno comunque fatto desistere il Governo australiano. Alcuni hanno altresì criticato le scelte di Canberra perché definite troppo costose per il bilancio dello Stato. Sicuramente un’operazione di questo tipo costerebbe meno all’Italia che ogni anno spende circa 5 miliardi per l’accoglienza, senza contare i costi indiretti (ad esempio, sanità e sicurezza) e i costi sociali derivanti dal degrado in cui versano le periferie cittadine
Nel 2015, ovvero a due anni dall’inizio dell’operazione, il Premier Abbott ha dichiarato: “Nel bloccare le imbarcazioni abbiamo anche salvato delle vite” e ha lanciato un monito agli altri Paesi coinvolti dal flusso migratorio: “L’Operation Sovereign Borders è una lezione che oggettivamente tutti gli Stati dovrebbero imparare ad applicare”. Al termine del vertice europeo della scorsa settimana, la portavoce della Commissione Europea per la Migrazione, Natasha Bertaud, ha insistito sulle politiche di non-respingimento dell’Europa, ma ha aggiunto: “La Libia ha notificato la sua area di salvataggio in mare e questo significa che quando c’è il Centro di coordinamento e di salvataggio libico (JRCC di Tripoli) che coordina un evento, tutte le imbarcazioni devono rispettare gli ordini che vengono dati dai libici”.
Se non dovesse bastare l’impegno della Guardia Costiera Libica, forse l’Italia dovrebbe comunque procedere con i respingimenti assistiti4 studiati da Gianandrea Gaiani e inclusi nel programma elettorale del centro-destra. L’ammontare delle sanzioni europee non sarà mai superiore ai costi dell’accoglienza dei non aventi diritto e ai costi umani delle morti in mare causati dal business della tratta, aumentate con le operazioni SAR delle ONG. Che forse tanto “umanitarie” non sono.

 
 
 

 
 
 
Francesca Totolo



1Immigrazione tutto quello che dovremmo sapere, Blangiardo, Gaiani, Valditara (Saggistica Aracne)
3EU borders chief says saving migrants’ lives ‘shouldn’t be priority’ for patrols: https://www.theguardian.com/world/2015/apr/22/eu-borders-chief-says-saving-migrants-lives-cannot-be-priority-for-patrols
4I “respingimenti assistiti” nel programma della coalizione di Centrodestra: http://www.analisidifesa.it/2018/01/i-respingimenti-assistiti-nel-programma-della-coalizione-di-centrodestra/
Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. […] I respingimenti australiani dell’operazione Sovereign Borders del 2013, varata dal Partito Liberale di Tony Abbott, hanno ridotto a zero le morti della rotta verso le coste dell’Australia. A differenza dell’Europa e dell’Italia del Partito Democratico, l’Australia “non ha mai incoraggiato l’immigrazione clandestina esprimendo la tendenza a valutarla più come un fenomeno di criminalità da combattere, perché lede gli interessi nazionali, che come un’emergenza umanitaria”, spiega Gianandrea Gaiani1. […]

Commenta