Il Primato Nazionale mensile in edicola

Lussemburgo, 26 gen – Per concedere l’asilo di solito si usa fare test psicologici, al fine di capire quanti traumi siano stati riportati nel Paese d’origine e verificare l’effettiva persecuzione. Ma ora questo principio non vale più per quanti si dichiarano omosessuali. La Corte di Giustizia Ue ha infatti stabilito che è sufficiente credere sulla parola a quanti dicono che a causa del loro orientamento sessuale non possono vivere in sicurezza a casa loro. La domanda di asilo viene automaticamente accettata.
Nonostante la Corte di giustizia dell’Ue riconosca il diritto alle autorità nazionali di disporre perizie all’interno della valutazione della domanda di asilo, per meglio stabilire le reali esigenze di protezione internazionale, indagare sui gusti sessuali dei migranti secondo i giudici costituisce un’ingerenza nel diritto della persona in questione al rispetto della sua vita privata. Anche se il dichiararsi gay rappresenta un escamotage per ottenere senza difficoltà l’asilo.
Il fenomeno dei finti gay che si dichiarano tali, infatti, è cosa risaputa. Già nel 2016 si scoprì un vero e proprio boom di sedicenti profughi che per ottenere l’asilo avevano fatto il loro “coming out” e si erano iscritti all’Arcigay dopo che la loro domanda era stata respinta perché ritenuti semplici migranti economici e non persone in pericolo di vita.
Il caso che ha portato i giudici della corte europea a esprimersi è cominciato nel 2015, da un nigeriano che arrivato a Budapest aveva fatto domanda di asilo affermando di essere gay e per questo perseguitato nel suo Paese. Sono infatti molti i Paesi islamici, non solo africani, dove si applica la shaaria che prevede il carcere o addirittura la pena capitale per gli omosessuali. L’Ungheria aveva respinto la sua richiesta poiché le autorità preposte non avevano confermato l’orientamento sessuale dell’africano. Ora ci ha pensato l’Europa a riabilitare il nigeriano omosessuale, vero o presunto.
Anna Pedri

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. Per cui,riassumendo, un barcone di africani froci ha più diritti di un qualsiasi altro…….non continuo mi fermo,ora ci prendono per il culo…….dopo ci metteranno nei gulag o ai lavori utili…..auguri Europa.

  2. …..prima tutti ”minorenni” anche se 90 enni…ora ” tuttifroci…” basta che si passi…con i radical Bonino/ soros a prenderlo in cul fanno sempre in tempo…

  3. Secondo me gli omosessuali neri nigeriani (quando veri) sono estremamente pericolosi. Dovrebbero essere i primi a essere respinti, per linculo-mità degli italici deretani.

Commenta