Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 2 nov – I funerali di Gigi Proietti saranno pubblici e nel giorno delle esequie del grande attore scomparso oggi all’età di 80 anni a Roma sarà proclamato il lutto cittadino. A dare l’annuncio il sindaco Virginia Raggi. “Sono venuta a portare il mio saluto a un grande maestro. È una tristezza profondissima. Roma perde una parte della sua anima. Adesso proclamerò il lutto cittadino per il giorno delle esequie. Siamo chiaramente molto vicini alla famiglia, agli amici e a tutti quelli che gli volevano bene”. Così la Raggi arrivata alla clinica Villa Margherita dove si è spento Proietti per un arresto cardiaco. I funerali saranno aperti al pubblico, con ingressi contingentati, così che i concittadini potranno stringersi in un ultimo abbraccio al grandissimo interprete di una romanità gagliarda di altri tempi.

Il cordoglio di Mattarella

Tra i numerosissimi messaggi di cordoglio per la scomparsa del grande attore di teatro, cinema e tv, uno su tutti quello del capo dello Stato: “E’ con grande dolore che ho appreso la notizia della scomparsa, nel giorno dell’ottantesimo compleanno, di Gigi Proietti. Attore poliedrico e versatile, regista, organizzatore, doppiatore, maestro di generazioni di attori, erede naturale di Ettore Petrolini, era l’espressione genuina dello spirito romanesco“. Così lo ricorda Sergio Mattarella, in una nota del Quirinale. “Alla grande cultura, alla capacità espressiva eccezionale, frutto di un intenso lavoro su se stesso, univa una simpatia travolgente e una bonomia naturale, che ne avevano fatto il beniamino del pubblico di ogni età. Desidero ricordarlo anche come intellettuale lucido e appassionato, sempre attento e sensibile – prosegue il presidente della Repubbluica – alle istanze delle fasce più deboli e al rinnovamento della società”. “Alla signora Sagitta, alle figlie Susanna e Carlotta, ai suoi collaboratori e ai tanti suoi allievi desidero far giungere il mio più profondo cordoglio, a nome della Repubblica, e sentimenti di vicinanza personale”, conclude Mattarella.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta