Il Primato Nazionale mensile in edicola

sostieni il primato nazionale io sono un patriotaRoma, 25 mag – Essere “non conformi” alla vulgata buonista, anti-nazionale, mondialista, ha un prezzo. Non solo in termini etici e politici, non c’è solo un tributo da pagare alla repressione o alla censura, ma c’è anche un prezzo… economico. Il sito che state leggendo in questo momento, per esempio, benché concepito come strumento metapolitico di contro-informazione, e quindi con alla base anche un forte afflato volontaristico, ha bisogno di risorse per andare avanti. E non si tratta solo del Primato Nazionale: ci sono studi e ricerche da finanziare, monumenti da restaurare, artisti anticonformisti da sovvenzionare, pezzi di storia da disseppellire. È per fornire un aiuto a tutte queste iniziative che nasce l’iniziativa “Io sono un patriota”. L’associazione culturale I Patrioti, animatrice del progetto, è una Onlus apolitica e si propone, come si legge sul suo sito, “il perseguimento di finalità di promuovere l’amore per l’Italia con l’idea che i suoi confini siano sacri ed inviolabili e la visione di un popolo italiano unito e indirizzato in unico fine o scopo che riassume la grandezza della nazione. Siamo dei Patrioti che non possono rimanere a guardare durante il declino della nostra nazione e che si vogliono rimboccare le maniche per sostenere un Rinascimento della Patria”.

Il progetto si basa su una sottoscrizione volontaria, per cui i donatori si impegnano a versare mensilmente una determinata quota di denaro, anche minima, ricevendone in cambio dei gadget che, ovviamente, hanno il solo scopo di rappresentare simbolicamente lo sforzo compiuto da ciascun patriota. Che c’entra il Primato Nazionale in tutto questo? C’entra, perché una delle iniziative che “Io sono un patriota si propone di finanziare” riguarda proprio il nostro quotidiano on line. Il sostegno dei patrioti alla nostra testata ci consentirà:

A) di realizzare una nuova piattaforma web per essere al passo con i tempi;
B) di togliere le pubblicità da ogni modalità di visione della piattaforma, cosa che avrà un’innegabile ricaduta non solo sulla fruibilità del sito, ma anche sulla sua autonomia;
C) di creare di una vera e propria redazione sita in Roma che potrà essere visitata dai nostri donatori e dalla quale cercheremo di rilanciare quotidianamente la visione sovranista dal punto di vista editoriale;
D) di assumere giornalisti/pubblicisti per poter essere più presenti nella cronaca politica quotidiana;
E) di assumere inviati speciali, che possano stare in prima persona nei luoghi che sono oggetto della più martellante propaganda dei media ufficiali, per smentire bufale e fake news di regime.

Per realizzare i primi obbiettivi di questa lista abbiamo bisogno almeno di altri 100 patrioti sottoscrittori, anche se speriamo che siano molti di più. Si tratta di un piccolo sforzo per le tasche di ciascuno di noi, pure già prosciugate dallo stesso sistema che anche la nostra contro-informazione può contribuire a cambiare, ma può aiutarci a fare un passo avanti più grande di quanto non possiate pensare.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta