Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 nov – Roberto Saviano torna ad insultare il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Il copincollatore di Gomorra stavolta se la prende con il leader della Lega per l’annuncio dal Viminale di dare una stretta alle scorte. “Fastidioso parassita“, “vali poco” sono gli insulti (sui social) del maitre à penser della sinistra immigrazionista.
“Non mi permetterò di guardare nomi e cognomi delle scorte – ha detto il ministro dell’Interno Salvini – Ho solo chiesto di ragionare sull’ipotesi di rivedere alcune di queste 600 tutele. Siamo il Paese europeo più scortato, che spende più soldi“.
“Sono il primo, seppur evidentemente a rischio, a essere disponibile a dare un segnale di apertura – spiega il vicepremier – ci sarà sicuramente magari qualcuno che meriterà più scorta e più attenzione. Se magari c’è qualcuno che da 5, 10, 15 anni usa un poliziotto o un carabiniere come autista privato, potrà farne a meno”.
Al Viminale sono già al lavoro. La settimana prossima i tecnici porteranno a Salvini una direttiva con criteri oggettivi in base ai quali chi secondo gli esperti rischia, sarà super tutelato e chi non rischia più alcunché, prenderà il taxi, il treno e la metropolitana “come tutti gli altri comuni mortali”.

Pieno di livore il commento su Facebook di Saviano: “Mi scuso con il ministro della malavita, perché mi era sfuggito il posto di un paio di giorni fa (quello in cui Salvini ringraziava Saviano per essere la migliore pubblicità al decreto sicurezza). Me lo hanno segnalato solo ieri, approfitto per dargli un consiglio gratis, gratis per lui e gratis per voi che pagate, magari senza saperlo, i suoi ‘geniali’ consulenti del web. Fatti una vita politica tua. Facci vedere senza castrazioni chimiche e attacchi quanto vali… perché l’impressione è che, da fastidioso parassita, tu valga poco, molto poco“.
Certo che è curioso che proprio Saviano, che gode di una scorta per l’appunto – quando al massimo il suo rischio è quello di inciampare per strada a New York, dove ha il suo bell’attico – si permette del dare del parassita. Proprio lui, dà del fastidioso, lui che imperversa continuamente sui social e sui giornaloni con le sue perle da guru del nulla cosmico.
Da che pulpito vien la predica, insomma.
Adolfo Spezzaferro

5 Commenti

  1. Classico caso da patologia in cui uno proietta le sue caratteristiche su un altro; il parassita da decenni sulle nostre spalle è Saviano che ha autisti e guardie pagate da noi sebbene non ha subito nessun attentato.Che valga poco poi è cosa ben nota ma adesso probabilmente farà ancora di piu’ la vittima se gli tolgono la scorta dicendo che è dovuto ad un rancore di Salvini visto che Saviano lo aveva offeso.Senza scorta il poveretto non potrà fare piu’ il messia dall’ attichetto di New York e la cosa lo renderà ancora più isterico

  2. La mente di questo ominide senza dignità produce letame ignobile contro un ministro della nostra patria………. Solo il fatto di essere un comunistoide lo protegge e lo lascia impunito……..la magistratura politicizzata sinistra lo protegge, lo coccola e gli consente di sputare merda a random…………ricordiamo tutti le minacce
    e le pressioni subite da chi si permetteva di criticare i renzi,i gentiloni,i minniti e sinistroidi simili……….ma come ben sappiamo se sei negro,zingaro o zecca comunistoide hai tutte le strade spianate e le spalle sempre ben coperte…….puoi spacciare,picchiare,rubare e violentare…….sarai sempre libero e ti saranno pure restituiti droga e soldi……… Non è fantascienza purtroppo, è cronaca quotidiana.

Commenta