Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 nov – Tiene banco la riforma del Meccanismo europeo di stabilità (Mes), mentre è in corso il vertice di maggioranza, fortemente voluto dal M5S (contrario alla ratifica da parte dell’Italia alla revisione del salva Stati Ue), Matteo Salvini torna all’attacco del presidente del Consiglio: “Non vorrei che Conte avesse venduto la nostra sovranità per tenersi la poltrona. Se così fosse, sarebbe alto tradimento e, in pace o in guerra, è un reato punibile con la galera“.



Il vertice a Palazzo Chigi

Alla riunione a Palazzo Chigi, oltre al premier Giuseppe Conte, presenti, tra gli altri, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, il titolare della Farnesina Luigi Di Maio, il capo delegazione del Pd e ministro della Cultura Dario Franceschini, il ministro degli Affari Ue Enzo Amendola, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà. Per Italia Viva ha partecipato Luigi Marattin. Per LeU, Stefano Fassina. Conte a un certo punto ha lasciato il vertice per raggiungere il commissario Ue agli Affari economici Pierre Moscovici. Sul salva Stati Ue la maggioranza giallofucsia resta spaccata, a causa del “ritorno di fiamma” dell’euroscetticismo da parte del capo politico M5S Luigi Di Maio, in grave crisi di consensi (fuori e dentro il Movimento). D’altro canto è pur vero che l’ok dell’Italia alla riforma del Mes comporterebbe quasi sicuramente una ristrutturazione del debito che graverebbe sui risparmiatori.

Salvini sfida Conte in tv: “Se viene fa la figura del bugiardo o dello smemorato”

Intanto Salvini chiede in diretta su Rai1 un confronto televisivo con il premier: “Abbiamo sempre detto no – ha ribadito Salvini a UnomattinaSono pronto a un confronto tv con Conte sul Mes, se viene qui fa la figura del bugiardo o dello smemorato, sono pronto quando vuole“. Il ministro dem Gualtieri riferirà sul caso comunque in Senato il 27 novembre, Conte invece il 10 dicembre.

Adolfo Spezzaferro



La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. MAGARI!!! In galera, per il REATO da SALVINI ILLUSTRATO, dovrebbe finirci almeno il 25/30% degli itagliani! Un detto della parte soccombente di quella sudicia guerra civile nota ai piu come: “lotta di liberazione” , Sic!, recitava: “Quando, nel Mondo, la CANAGLIA impera… La PATRIA degli ONESTI è la GALERA!” .

Commenta