Roma, 18 gen – E’ morto per una “tragica fatalità” il tunisino deceduto ieri sera durante un fermo di polizia. Così il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini interviene a proposito della polemica per le circostanze della morte dell’arrestato, che aveva mani e piedi legati, schierandosi al fianco degli agenti.

Totale e pieno sostegno ai poliziotti che a Empoli sono stati aggrediti, malmenati, morsi – dice il leader della Lega – per fermare un violento ed evitare altri danni si usano le manette, non le margherite. Purtroppo un tunisino con precedenti penali, fermato dopo aver usato banconote false, è stato colto da arresto cardiaco nonostante gli immediati soccorsi medici. Tragica fatalità. Però se un soggetto violento viene ammanettato penso che la polizia faccia solo il suo dovere”.

Questi i fatti. Ieri sera, un 32 enne tunisino è morto durante un fermo di polizia. Secondo i primi accertamenti, l’immigrato, che era stato legato ed ammanettato perché in condizioni di forte agitazione, ha avuto un malore e poi è morto, a quanto pare per arresto cardiaco. Sul posto si trovava anche il personale del 118. E’ stata disposta l’autopsia e la procura di Firenze ha aperto un’inchiesta.

Il tutto è avvenuto all’esterno di un negozio di money transfer di Empoli, dove due volanti della polizia sono intervenute dopo una chiamata al 112 a causa di un uomo che dava in escandescenze. In evidente stato di alterazione, il tunisino era entrato nel negozio Taj Mahal con una banconota ritenuta falsa.

“Torniamo ancora una volta a ribadire quanto sia essenziale la dotazione di taser e telecamere per gli uomini in divisa operativi su strada. Sono strumenti necessari per la tutela e la trasparenza”, dice Stefano Paoloni, segretario generale del Sindacato autonomo di polizia (Sap).

La sperimentazione della pistola elettrica, partita in Italia, non è ancora stata adottata ad Empoli. “Con il taser, soggetti che danno in escandescenze, possono essere bloccati evitando il contatto fisico – spiega Paoloni – Con questo strumento non letale che chiediamo a gran voce, si tutela sia il poliziotto che il fermato”.

Ludovica Colli

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. Se comandassi io, gli immigrati tremerebbero e si metterebbero a piangere al solo vedere le divise, fossero anche quelle dell’Enel o dei ferrovieri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here