Lucca, 7 feb – Ieri sera un agente di polizia di ventotto anni è stato aggredito a Pineta di Ponente di Viareggio. L’uomo, in borghese, stava svolgendo il proprio lavoro nel parco centrale della cittadina un luogo tristemente noto per essere una piazza di spaccio.



Durante questo pattugliamento l’agente avrebbe tentato di fermare e sottoporre a controllo un immigrato sospettato di essere lui stesso uno spacciatore. Lo straniero ha reagito violentemente, assalendo il giovane poliziotto con un pesante mattone e colpendolo più volte sulla testa.

L’agente è stato immediatamente trasportato all’ospedale per gli opportuni controlli: i sanitari hanno riscontrato diverse fratture al cranio e una grave emorragia celebrale.
A questo punto è stato necessario trasferire il poliziotto presso il reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Livorno.
Sottoposto a un delicatissimo intervento chirurgico per la ricomposizione della frattura frontale nella notte è tutt’ora ricoverato:  i medici vogliono attendere le canoniche 48 ore per sciogliere la prognosi e valutare il decorso post operatorio.

L’immigrato colpevole di questo gesto sarebbe un nord africano si è dato alla fuga e sembra essere scomparso nella notte.
Oggi il giovane agente di polizia, di origine salernitana, è stato visitato da parte del Prefetto di Lucca, Maria Laura Simonetti e del Questore, Vito Montaruli. Più tardi è stato raggiunto dal sindaco di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta