Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 apr – Oscar, delusione e amarezza per il critico cinematografico Gianni Canova che sostiene che Pinocchio sia stato penalizzato dal politicamente corretto che ha fatto incassare premi a una storia “black” a scapito del merito.

Oscar, l’ira di Canova per Pinocchio

Si è conclusa la notte degli Oscar e Gianni Canova, critico severo ma giusto, ha avuto da ridire sui premi incassati dal film, un’epopea afroamericana, Ma Rainey’s Black Bottom. Il film, interpretato tra gli altri tra l’attore Chadwick Boseman, recentemente scomparso, ha guadagnato ha portato a casa le due statuine per i migliori costumi e il miglior trucco. Per queste categorie era in gara anche il “nostro” Pinocchio di Matteo Garrone.

Lo sfogo contro il “politicamente corretto”

Canova non si è lasciato sfuggire l’occasione per criticare i criteri di assegnazione dei premi, secondo lui, molto poco dovuti ai meriti e più alla categoria sociale di riferimento. Per lui, i due Oscar mancati a Pinocchio sono un vero e proprio scippo a tinte … “corrette”: “Gli altri saranno pure bravini a rifare un’acconciatura anni venti, ma nessuno sa inventare mondi e creare abiti che non esistono come sappiamo fare noi italiani” scrive Canova sul suo profilo Instagram “Viva Pinocchio, basta con la dittatura del Politically Correct!”.

Un altro film “black” penalizza la Pausini

Gli Oscar hanno lasciato l’Italia è  totalmente a secco quest’anno: Laura Pausini, altra favorita per il premio Miglior Canzone con la sua Io (tema del film con Sofia Loren La vita Davanti a sé): la statuetta è andata, infatti, a Fight for You, brano di H.E.R.  colonna sonora del film Judas and the Black Messiah. Indovinate un po’? E’ un film su leader delle Pantere Nere. Non è che Canova abbia tutti i torti …

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. “Judas and black messiah è un film sulle black panthers e quindi vi è il sospetto di politically correctness, ma onestamente non è che la “Vita davanti a sé” fosse un film anticonformista, tra anziane sopravvissute all’olocausto, bambini neri migranti e prostitute trans(e per di più produzione Netflix…).

  2. Secondo me: ben gli sta! Avanti così. Quando rimarranno seduti a scuotere la testa chiedendosi cosa non ha funzionato magari gli viene in mente. Cazzoni

Commenta