Il Primato Nazionale mensile in edicola

Sanremo, 4 feb – Junior Cally rompe il silenzio. Il rapper di Focene, che in molti vorrebbero fuori da Sanremo a causa di una sua vecchia canzone in cui esalterebbe il femminicidio, ha risposto alle polemiche: “Non ho paura delle contestazioni. Affronterò con professionalità qualsiasi cosa accada, devo rispettare quel palco, la musica italiana, la canzone che porto”. Così ha esordito nell’insolita intervista realizzata a bordo campo a margine di una partita di calcetto organizzata a Solaro, a pochi chilometri da Sanremo, dal suo team di discografici e giornalisti. Gli attacchi contro di lui nei giorni scorsi sono arrivati da più parti: da Mara Maionchi alla Meloni, da Red Ronnie a Salvini.

Junior Cally: l’anti-populista che ama le sardine

A Junior Cally è stato chiesto di rispondere agli attacchi dell’ex ministro dell’Interno: “Io sono un cantate non sono un politico, Salvini è un pesce grosso quindi non credo di rispondere”. In una intervista a Leggo ha però precisato: “Alle ultime elezioni ho votato Cinque Stelle ma non lo rifarei mai. Sardine tutta la vita“. Insomma la risposta a Salvini in qualche modo è arrivata. Anzi, in realtà era contenuta già nel brano che canterà a Sanremo, che lo stesso rapper definisce “anti-populista“. Ecco un passaggio significativo: “Spero si capisca che odio il razzista, che pensa al Paese ma è meglio il mojito. E pure il liberista di centro sinistra che perde partite e rifonda il partito“. 

Insomma, il rapper accusato di sessismo e che in molti vorrebbero fuori da Sanremo è dichiaratamente antirazzista, sta con le sardine, odia Salvini ma anche l’altro Matteo, Renzi, colpevole di fare il liberista di centrosinistra. Se ci mettiamo poi che ha votato 5 Stelle ma non lo rifarebbe (probabilmente a causa dell’alleanza con Salvini), pare evidente il profilo di un cantante di sinistra. E così il “compagno” Junior Cally a passare per una sorta di maschilista alfiere del patriarcato non ci sta: “Il linguaggio di ‘Strega’ (la canzone sotto accusa, ndr) non ha qualcosa di sbagliato, va capito. Chi non lo conosce deve cercare di capirlo. Non lo trovo assolutamente sbagliato. La canzone rappresenta uno spaccato di società, io sono contro la violenza di ogni tipo”. 

Davide Di Stefano

3 Commenti

  1. La prossima volta anziché vestirti come Ray Mysterio vestiti come Terminator, magari la tua vena pacifista sarà più credibile! ;}

Commenta