Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 11 dic – Puma avrà come testimonial Kevin Prince Boateng per lanciare le scarpe “Black Lives Matter”: il calciatore ha spesso condannato il razzismo, sostenendo anche di averlo subito e diventato un testimonial d’occasione per ogni palcoscenico ch questa “opportunità” gli ha fornito.



Puma, Boateng e il razzismo

Boateng, ex di Barcellona e Milan, ha collaborato con Puma per realizzare una special edition delle scarpe Ultra, tutte focalizzate a portare il messaggio anti razzista “Black Lives Matter”. Puma, d’altronde, è dal 2018 che manda avanti il progetto #reform. Lanciato nell’ottobre del 2018 per celebrare il 50° anniversario del gesto dell’atleta Tommie Smith a Città del Messico nel 1968, quando alzò il pugno in aria per chiedere più uguaglianza.

Black Brain

Le scarpe “Black lives matter”

Il progetto di Puma, di cui Boateng è testimonial, è contro tre delle più importanti problematiche del mondo attuale (e del marketing): le discriminazioni di razza, quelle nei confronti degli omosessuali e quelle contro le donne. “REFORM spinge e sostiene il cambiamento sociale. Collaborando con le comunità, gli attivisti e le organizzazioni di tutto il mondo, PUMA prova a cambiare il lato più oscuro del mondo sportivo, non solo calcistico”, si apprende.

I precedenti col “razzismo” di Boateng

Nessuno poteva esprimersi al meglio in questo contesto di Boateng. Peccato che non sempre ci “senta bene” e attribuisca al razzismo la cagione di ogni suo male. Ricordate quando il Milan abbandonò il campo in un’amichevole contro il Pro Patria a causa degli insulti razzisti rivolti proprio a lui? Era il 2013. Il giocatore, “esasperato” dal clima, scagliò contro il settore dello stadio dei tifosi di Busto Arsizio. Tifosi “razzisti” denunciati e condannati in primo grado, a pene dai 40 giorni fino a 2 mesi di reclusione per ingiuria aggravata dai motivi razziali. In Appello, invece gli imputati sono stati tutti assolti. La motivazione? “Perché il fatto non sussiste”.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. non è certo sostenendo un movimento marxista – terrorista come blm che si presume di avere seguito e ragione.
    blm in prigione.

  2. È un vomitevole delirio razzista, ma verso la razza bianca! Oramai hanno capito che siamo dei vigliacchi autorazzisti…

  3. Boateng ma soprattutto Puma strumentalizzano chiaramente a fini commerciali Black l.m. Come mai quest’ ultimi non hanno nulla da ridire?! Comanda il commercio, o meglio il mercante, oppure l’ ideale?

Commenta