Il Primato Nazionale mensile in edicola

Guidonia, 21 ott- Il 21 ottobre del 1937 veniva fondata per regio decreto la città di Guidonia, dopo che solo due anni prima, il 27 aprile, Benito Mussolini pose la prima pietra per iniziare i lavori della nuova città. Il nome fu in onore di Alessandro Guidoni, generale della regia aeronautica morto il 27 aprile 1928, proprio nel territorio in cui poi nacque la città provando un nuovo tipo di paracadute. La grandezza del generale fu la scelta di voler collaudare lui stesso il paracadute anziché rischiare la vita di un soldato semplice. Guidonia divenne dunque un esempio delle città di fondazione del ventennio. Architettura razionalista e marmo. Una città moderna ed efficiente che diede l’idea che il fascismo aveva del progresso.



Mussolini volle dunque riorganizzare e trasferire da Roma il settore delle costruzioni aeronautiche. Fondó perciò una città alle porte di GuidoniaRoma edificata intorno a quell’aeroporto, il “Barbieri”, costruito dal regime sulle spoglie del vecchio “Campo di Aviazione di Montecelio” e che durante il ventennio divenne luogo d’incontro di piloti, ingegneri e tecnici che poterono scambiarsi informazioni ed esperienze che contribuirono lo sviluppo degli studi aeronautici e la diffusione del nome dello stesso aereoporto nel mondo. E a tal proposito le vie del centro cittadino portano il nome di famosi aviatori.

Black Brain

Mussolini ebbe quindi il merito di andare a costruire laddove nessuno prima aveva “osato” lasciando solo campagna e qualche piccolo villaggio tra la vecchia Tivoli e la capitale d’Italia. Ciò nonostante l’agricoltura e l’allevamento continuarono ad avere un ruolo primario in tutta la zona della valle dell’Aniene.Guidonia

Oggi Guidonia è il terzo comune della regione per numero di abitanti. E a ricordare il ventennio ci sono ancora vari edifici come il Municipio ed il monumento per lo stesso Guidoni, posto in via Roma in cui vi compare la definizione che Mussolini diede del generale:”superbo esempio di fede energia valore”.

Federico Rapini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta