Riace, 27 mag – Riace premio Nobel per la pace. Riace capitale dell’accoglienza. La sinistra riparta da Riace. Mimmo Lucano “eroe” in esilio che torna nella sua città e rilancia il suo “impegno politico e sociale” eterno. Poi succede che si vota e Salvini prende il 30%. Perché esistono le “narrazioni”, quelle di Saviano per cui “il modello Riace è una cattedrale di libertà che innestatasi su un deserto lo ha reso florido di vita”, e poi esiste la realtà, quella del sito del ministero dell’Interno, dove le scelte reali dei concittadini di Mimmo Lucano premiano il segretario della Lega, quello che da mesi parla di “porti chiusi”. Perché i vicoli del piccolo borgo calabrese sono molto lontani dalle passerelle alla Sapienza, dalle ospitate tv e dagli endorsement internazionali di Wim Wenders e Ada Colau.

Numeri impietosi

La politica elettorale è fatta di numeri. Lega al 30,75%, Forza Italia al 9%, Fratelli d’Italia al 9,42%. Insomma a Riace il centrodestra a trazione “sovranista” sfiora il 50%. E l’indicazione specifica su Matteo Salvini è resa eloquente confrontando i dati del resto della provincia di Reggio Calabria, dove la Lega si “ferma” al 22%: a Riace il partito del ministro dell’Interno prende 8% in più rispetto ai comuni confinanti. E gli altri? Il Movimento 5 Stelle raccoglie il 27%, in linea con il dato del collegio meridionale, mentre il Pd si ferma al 17%, 3 punti in meno rispetto al resto della provincia reggina.


La schermata con i risultati elettorali delle Europee a Riace

Salvate il soldato Fratoianni

E la sinistra? I verdi si fermano all’1,66%, mentre la lista denominata La Sinistra racimola il 2,17%. Eppure il loro leader, Nicola Fratoianni, era stato proprio tra i più accesi sostenitori del sindaco Lucano. Si era imbarcato sulle navi delle Ong e aveva parlato di “criminalizzazione dell’accoglienza” rispetto all’arresto del sindaco di Riace, accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, truffa etc.

Perché la sinistra pur di difendere Mimmo Lucano e il sedicente “modello Riace” – che tra documentari e videoclip ci avevano raccontato essere condiviso dalla quasi totalità della popolazione – è riuscita a scagliarsi contro una parte della magistratura, arrivando a sostenere che Lucano fosse “colpevole di umanità”. Una posizione folle, o meglio fantascientifica. Chissà se il bagno di realtà di queste elezioni farà accendere qualche lampadina a sinistra.

Davide Romano

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. Non faranno accendere proprio nulla. Tranne, ovviamente, il ricorso a qualsiasi tipo di imbroglio, sotterfugio, cavillo legale o mistificazione che riescano ad immaginare ed ad attuare. La ciurmaglia di sinistra è come il famoso “Terminator” dell’ omonimo film. C’è un programma di omicidio, sterminio e distruzione nel “chip” della “macchina”, fin dal dopo guerra e tutt’ora attivo come e più di allora!!! Il “mostro Terminator” potrà essere fermato soltanto schiacciandolo sotto una pressa idraulica. (Finale film docet). Non illudiamoci! Fin che riusciranno a nuocere ed a far danni all’Italia ed agli Italiani, lo faranno!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here