Roma, 1 set – Ursula Von der Leyen non vede altro che “energia verde”. Un’ossessione che dura da anni, ma concentrata negli ultimi mesi a seguito del caro prezzi sulle fonti energetiche. Come se poi la salvifica energia verde potesse risolvere il problema domani mattina.

Von der Leyen ed “energia verde”, una fissa che dura da tempo

Che l’Ue stia spingendo in ogni modo da anni sulle cosiddette energie rinnovabili non è una scoperta. Fa abbastanza sorridere però, il modo in cui il presidente della Commissione europea tenti goffamente di sfruttare la crisi in atto per accelerare ulteriormente, come se l’energia verde risolvesse il problema degli approvvigionamenti domani. Già un mese fa la cara Ursula aveva parlato – riportata dall’Ansa – di “piano Marshall verde” per l’Ue, elemento del resto presentissimo nel Pnrr, adesso continua a scatenarsi, come riporta Tgcom24. I prezzi “stanno battendo record dopo record, le conseguenze per le famiglie e le imprese non sono sostenibili”, dice. E ovviamente la soluzione è “energia verde” subito. “Abbiamo bisogno di una soluzione verde contro questa energia da combustibili fossili. Dobbiamo affrontare questo problema insieme e con urgenza”, ha aggiunto.

Una pubblicità che non risolve il problema

È solo pubblicità, o marketing, tra l’altro pure della peggiore specie, goffo e se vogliamo perfino ridicolo. L’energia verde non è in grado di soddisfare la maggior parte del fabbisogno energetico di un Paese europeo medio, figuriamoci se può riuscirci nel giro di qualche mese, cosa che la Von der Leyen non dice ma lascia intendere quando sottolinea “con urgenza” la questione. Imbarazzo, e forse pure un po’ di tristezza, nell’ascoltarla e nel leggerla. Anche basta, cara Ursula.

Stelio Fergola

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Van der Leydem??? Quella che ha cancellato illegalmente tutte le conversazioni avute con Bourla della Pfizer sull’ acquisto di miliardi di dosi di veleni genici??E questa ci viene a dire cosa dobbiamo fare noi italiani per il nostro futuro?.

Commenta