Il Primato Nazionale mensile in edicola

chassardRoma, 20 ott – Ci giunge dalla Francia la notizia della scomparsa di Pierre Chassard (1926-2016). Praticamente sconosciuto in Italia, Chassard ha collaborato alla fase più feconda della Nouvelle droite con contributi prettamente filosofici di rara competenza e chiarezza di vedute. Il suo libro più famoso è probabilmente Nietzsche, finalisme et histoire, che conobbe ben tre diverse versioni pubblicate presso altrettante case editrici. Ma di Chassard ricordiamo anche una radicale critica di Heidegger mossa proprio da un punto di vista nietzscheano nel saggio Heidegger, l’être pensé. Così Christopher M. Gérard, animatore della rivista Antaios, lo descrive sui social network: “Era un personaggio: cadetto alla Junkerschule di Bad Tölz (come il colonello Olrik), clandestino, galeotto, tesista alla Sorbona con Jean Wahl, soldato metapolitico, quadro superiore dell’aeronautica, scrittore…”. Il breve stralcio che presentiamo di seguito è tratto dal suo saggio su Nietzsche. [AS]



Circoscritta alla storia, la filosofia nietzscheana ha un quadruplo merito.

Black Brain

Demistifica l’universo e mostra come esso non sia sottomesso ad alcuna onnipotenza che gli possa imporre un fine e che gli uomini – o, meglio, alcuni di essi – fanno da sé la storia in condizioni date. Mostra come la storia, nel suo carattere essenziale, non sia altro che il risultato di una lotta tra sistemi di valori che esprimono tipi umani differenti, nonché bisogni ed interessi di potenza specifici.
Tenta il superamento del nichilismo effettivo senza preconizzare evasioni mentali in aldilà immaginari, senza raccomandare la de-realizzazione del reale, ma suggerendo piuttosto di accettare un mondo privo di ragione, persino di volerlo privo di ragione.
Prova a dare alla storia europea, descritta come un processo organico di decadenza dovuto alla sovversione giudaico-cristiana, un orientamento positivo di selezione e moltiplicazione di un tipo d’uomo di grande intelletto e di forte volontà, capace di sopportare integralmente la realtà, abbastanza forte per impegnarsi totalmente nel mondo della vita e vivervi senza aver bisogno di un senso assoluto.
Essa concepisce, infine, una dottrina che si suppone possa operare tale ascesa vitale, rimpiazzando i valori considerati di decadenza con valori di accrescimento di forza, sostituendo la morale che rende schiavi con una morale che rende liberi.

È senza dubbio per questa ragione che Nietzsche considera questa parte della sua filosofia come un umanesimo: ovvero un umanesimo della vita ascendente, un umanesimo virile di cui egli fa dono agli Europei del suo tempo, di oggi, di domani.

Pierre Chassard

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta