Roma, 15 mar – Greta Thunberg, la 16enne svedese che invece di andare a scuola manifesta davanti al Parlamento, ha lanciato l’appello ai giovani di tutto il mondo: manifestate contro i cambiamenti climatici. Puntuali, anche a Roma oggi sono scesi in piazza un po’ di studenti vogliosi di far sentire la propria voce. Il Messaggero ha deciso così di intervistarli per comprendere meglio le ragioni della loro protesta. Alle domande della giornalista del quotidiano romano, gli studenti scesi in piazza hanno fornito risposte che dire imbarazzanti sarebbe un insulto all’imbarazzo che abbiamo provato noi nel sentirle.

Che cos’è il buco dell’ozono? “A causa dello spread… il buco dell’ozono? Ma perché mi fate queste domande?”. Oppure: “Il buco dell’ozono è un buco dell’ozono”. E ancora: “Mah non saprei come dirlo, sono impreparato”. Fino alla ragazza più spaventata: “E’ così brutto, ma non so cosa sia”.

E i cambiamenti climatici? “Nel senso che il clima sta cambiando e non ci sono più le mezze stagioni”. Che poi “siamo qua per fare una passeggiata” dunque “perché ci fate queste domande”. D’altronde, seconda una studentessa intervistata, “manifestiamo contro il clima”.

«Cos'è il buco dell'ozono?»

«Cos'è il buco dell'ozono?». Le peggiori risposte dei giovani in piazza per l'ambiente

Publiée par Il Messaggero.it sur Vendredi 15 mars 2019

 

Commenti

commenti

6 Commenti

  1. L’oligarghia che governa ci considera nel complesso più che giustamente come le peggiori bestie. Come dargli torto dopo aver visto un video come questo?
    Una mandria di persone insulse che sfilano per le città “perché oggi si fa così”. Le forze giudaico-plutarco-massoniche non potranno mai essere sconfitte, è una lotta impari. Loro sono l’aristocrazia, cioè i migliori, noi la stupida plebe .

  2. Ai tempi di “Alto Gradimento” (famosa trasmissione radiofonica di Renzo Arbore & Co.), Mario Marenco aveva creato il personaggio di Verzo, studente contestatore. “Verzo, com’è andata oggi a scuola?” ” ‘Amo fatto ‘a manifestazzione gontro er governo dell’Angola, che vvole ‘mporre ai studenti de studià er Greco. Lo slogan: NIENTE GRECO/NELLA SCOLA/DELL’ANGOLA!” 😀

  3. Sono certo che in quella folla ci fossero migliaia di ragazzi ed adulti colti e consapevoli. Guarda caso il giornalista de Il Messaggero intervista e mette in onda solo quelli che non sanno nulla; i tanti altri, quelli che sanno, che possono spiegare le loro ragioni non contano, non fanno notizia. Complimenti, grande pagina di giornalismo d’inchiesta ! Eppure anche questa intervista, pur così limitata e macchiettistica, ha un suo valore, ed è un pesante atto d’accusa. Non contro i giovani, ma contro la scuola, che davanti a problemi di tale portata e importanza non trasmette agli studenti neppure gli elementi conoscitivi di base.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here