Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 15 set- Poche settimane fa commentavamo i sorteggi di Champions League e di Europa League soffermandoci in particolare sulle recenti figuracce delle nostre squadre in quella che fino a qualche anno fa era la mitica Coppa Uefa. Ci ritroviamo oggi, invece, a celebrare il tris di vittorie ottenute da Lazio, Atalanta e Milan nei rispettivi impegni di ieri sera. Sulla débacle italiana in Champions- eccezion fatta per la Roma ed il pari con l’Atletico Madrid- si è già scritto e detto di tutto. Oggi no, occorre dare a Cesare ciò che è suo.

Sangue di Enea Ritter

Capitolo Milan: reduce dalla sonora sconfitta rimediata a Roma con la Lazio, ha l’occasione per rimediare e l’undici di Montella non tradisce le attese travolgendo un modestissimo Austria Vienna a domicilio con un netto 1-5. La strada per i rossoneri è già in discesa in un girone decisamente abbordabile per Bonucci e compagni. Meno netta, ma altrettanto spettacolare è la vittoria in rimonta della Lazio, capace di rifilare quattro gol proprio al Milan nell’ultima giornata della Serie A. Nonostante i biancocelesti siano andati sotto due volte, sono stati capaci di reagire fino a compiere il sorpasso decisivo con il giovane Murgia, l’eroe della Supercoppa vinta a spese della Juve. A tinte tricolori, questo fa ancora più piacere, le altre reti siglate da Parolo e, indovina un po’, da uno scatenato Ciro Immobile.

Black Brain

Ed arriviamo alla vera impresa di giornata: la lezione di calcio dell’Atalanta all’Everton. Costretta all’esilio Reggio Emilia la squadra bergamasca interpreta alla perfezione il ritorno in Europa umiliando il ben più quotato Everton con un secco 3-0 che sta quasi stretto ai ragazzi di Gasperini, capaci di ammutolire un certo Wayne Rooney con i gol di Masiello, Papu Gomez e Cristante. Secondo un vecchio modo di dire chi inizia bene è a metà dell’opera: che sia solo un fuoco di paglia? Ad ora il fuoco lo abbiamo visto nei giocatori dell’Atalanta o in Murgia ed Immobile. Avanti così, dunque.

Giacomo Bianchini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta