Roma, 20 giu – Come si dice in questi casi? “Anche un orologio rotto segna l’ora giusta due volte al giorno”. Capita anche che semel in anno ci si veda costretti a dare ragione alla Gruberche nell’ultima puntata del suo Otto e Mezzo in onda su La7 ha bacchettato l’esponente del Movimento 5 Stelle Alessandro Di Battista. Dibba, sempre con i suoi candidi, estatici toni da post-adolescente appena tornato dall’Erasmus spiegava alla giornalista che “sapevamo che il primo anno dei pentastellati al governo sarebbe stato quello più complicato: perché è vero, noi le strategie parlamentari non le conosciamo, noi certe cose non le sappiamo fare“, ammette candidamente.

Elogio della cialtroneria

Prosegue poi con un elogio della cialtroneria grillina spiegando che “La forza del Movimento 5 Stelle, che si trova nella vasca di squali della politica italiana e che pare sia diventata una debolezza” sta nel fatto che “noi siamo brave persone che si sono rinchiuse nei Ministeri tentando di risolvere una serie di problemi“. Ma non basta essere “brave persone” per governare e “risolvere problemi”, e una spazientita Gruber gli risponde così: “Lei non mi può dipingere i rappresentanti del suo partito che avete al governo come delle brave persone che sono un po’ come Alice nel paese delle meraviglie: se siete così non vi candidate a governare. Studiate prima, poi forse andate al governo”, cosa che, in sostanza, pensano almeno 3/4 degli italiani.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedente“Brigate rosso sangue”, Ferrogallico presenta al Senato il fumetto su Mazzola e Giralucci
Articolo successivoBirra italiana, è record storico: +33% di esportazioni
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

2 Commenti

  1. Torna dall’amico Soros, che un posticino sotto il tavolo del Bilderberg te lo trova… “Studiate”… Ma vai a cacare và… Te e questi qua di questo sito che ti danno pure ragione quando conviene a loro…

Commenta