Roma, 12 ott – Bielorussia e Germania, alleati esterni ai due contententi che si “avvicinano” alla contesa. Come riporta Tgcom24, entrambi hanno inviato ulteriori sostegni a Russia e Ucraina.

Bielorussia e Germania, il supporto ai duellanti

In modi diversi, Bielorussia e Germania supportano i due contendenti. Come è ovvio, la prima in favore di Mosca e la seconda verso Kiev. Mins invia 20 carri armati: un lotto di modelli T-72 è infatti giunto nella regione russa di Belgorod. La notizia viene dallo Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine. Il complesso militare-industriale di Minsk, in realtà, ha già un altro tipo di coinvolgimento, visto che si occupa della riparazione delle attrezzature russe danneggiate. Quanto al governo di Berlino, il sostegno a Kiev verte sul primo di quattro sistemi di difesa aerea Iris-T Slm inviato all’Ucraina. Questo perché la Germania ha promesso di inviarne altri. A confermarlo, il ministro della Difesa di Kiev Oleksiy Reznikov. Gli aiuti tedeschi si aggiungono a quelli di Washington, che a sua volta ha mandato quattro sistemi di artiglieria Himars.

Gli altolà dell’Ue a Minsk

Negli ultimi giorni le posizioni Ue sulla guerra si sono concentrate proprio contro il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, al quale è stato chiesto esplicitamente di non lasciarsi coinvolgere direttamente nel conflitto e quindi, in modo diretto, imponendo alla Bielorussia di non combattere al fianco di Mosca. Come riporta Adnkronos, l’ammonimento riguarda il fatto che la Bielorussia non offra alla Russia il suo territorio come “piattaforma di lancio per missili contro l’Ucraina”.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Li’ per li’ (leggendo solo il titolo dell’articolo) avevo pensato: “Ecco il nano che offre al gigante i suoi servigi… oltretutto veicoli corazzati – usati – verosimilmente a suo tempo ceduti dal gigante al piccolino… da ridere…”.
    Poi, leggendo l’articolo, m’e’ risultato tutto piu’ chiaro: trattasi di carri armati inefficienti, debitamente riparati (ricondizionati) e ri-inviati al fronte…
    In ogni caso, io temo grandemente un eventuale coinvolgimento di Minsk in questo sporco conflitto…

Commenta