Roma, 3 gen – Un capolavoro che rischiava di passare inosservato. Poi per fortuna i colleghi de Il Giornale se ne sono accorti e hanno acceso i riflettori sul penultimo video pubblicato da Laura Boldrini, quello di alcuni giorni fa in cui critica la “manovra del popolo” voluta dall’esecutivo giallo verde. Riproponendo lo schemino del video muto con esibizione dei cartelli (già utilizzato con scarsi risultati in campagna elettorale), l’ex presidente della Camera prova a rispondere ironicamente alla lista delle promesse mantenute pubblicata da Di Maio.

Dallo sfondo con faldoni e “pianta di ficus” fantozziana, all’inquadratura storta fino alla Boldrini che muove rigidamente la testa per dire “sì” o “no”, tutto risulta piuttosto grottesco. La voce narrante che pone le domande poi dà il vero e proprio colpo di grazia, narcotizzando definitivamente il video. La deputata di LeU risponde alzando roboticamente il cartello “fatto” alla sfilza di “nefandezze” del governo sulla legge di Bilancio (dalla mancata discussione in Parlamento all’aumento delle tasse per le onlus), mentre alla fine (con gli occhi spiritati) alza con soddisfazione il cartello “non fatto”, in risposta alla domanda se la Lega avesse restituito i “49 milioni di euro sottratti agli italiani”.

Ovviamente sui social l’operazione è stata accolta con ironia. Anche tra i sostenitori di Laura c’è chi ha ammesso la bruttezza del video, pur apprezzando il messaggio: “Sarà un po’ naif e vecchio stampo, ma Laura Boldrini è l’unica a sinistra impegnata a fare opposizione e non a litigare coi colleghi di partito. Chapeau!”. Contenti voi.

Davide Di Stefano

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here