Il Primato Nazionale mensile in edicola

Grosseto, 5 apr – La Asl di Grosseto insiste: ai richiedenti asilo è giusto offrire gratis le visite odontoiatriche. Il progetto, che ha scatenato le ire di molti in Toscana, come sottolineavamo ieri su questo giornale, avrà un costo totale per le casse pubbliche di 2 milioni di euro. “Sono dispiaciuta e irritata che di fronte a una offerta assistenziale migliore e più efficace verso persone fragili, che siano anziani nelle Rsa, diversamente abili, malati, cittadini con basso reddito o migranti, vi sia una reazione di questo tipo e una strumentalizzazione per finalità diverse”. Lo ha dichiarato, in una nota, la dottoressa Alessandra Romagnoli, direttore della rete odontoiatrica della Asl Toscana Sud Est in merito all’attacco sferrato sulla questione da CasaPound.
“Il direttore della Asl – replica CasaPound – dimentica che l’assistenza sanitaria in Italia è un diritto ed è garantito per legge a ‘ogni cittadino’, cosa che i richiedenti asilo ancora non sono, e soprattutto la sanità è pagata esclusivamente dalle tasche degli italiani, compreso il lauto stipendio del direttore”. CasaPound non si fa quindi intimorire dai numeri messi in evidenza dalla Asl riguardanti le prestazioni odontoiatriche fornite alle fascie sociali vulnerabili. “Noi contestiamo l’aver inserito i richiedenti asilo nel progetto pilota rivolto alle fasce deboli come anziani, bambini, disabili, malati e persone con basso reddito. Garantendo addirittura un accesso diretto alle cure, mentre per gli italiani che chiedono una prestazione odontoiatrica tramite Cup si arriva addirittura al mese di ottobre per la prima vista”, precisa il consigliere comunale di CasaPound Gino Tornusciolo.
“È pertanto doveroso chiamare in causa sulla vicenda anche il Presidente del CoeSo Giaco Termine – afferma Tornusciolo – che sulla sua pagina Facebook rivolgendosi a me e ad altri esponenti politici che contestavamo il progetto pilota, si è lasciato andare a frasi vergognose come ‘hanno bisogno anche loro di essere aiutati dai servizi sociali’. A lui chiedo per quale motivo i richiedenti asilo avranno una corsia preferenziale per le visite odontoiatriche, lo deve spiegare a me ma soprattutto alle centinaia di migliaia di italiani che lui rappresenta”.
Alessandro Della Guglia



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. a parte emergenze mediche…
    in cui si fa un discorso prettamente umanitario e non si sta troppo a guardare se è giusto o meno,
    il discorso che fa casapound è giusto:
    è ora di finirla di farsi belli col grano degli altri.
    se ci tengono tanto a far bella figura,che ci mettano loro i soldi necessari…(non quelli delle tasse,intendo proprio i LORO soldi personali)
    e comunque anche pagando di tasca loro:
    si rivolgano ai privati.
    differentemente nelle graduatorie di accesso PRIMA i nostri concittadini,e poi tutto il resto del mondo…
    e vale per tutto ciò che è pubblico e pagato con le nostre tasse.

  2. Persone indegne,odiano noi italiani questi traditori, odiano i nostri avi,i nonni,i padri,le madri……. tutto ciò che col sudore è stato costruito in questo povero e martoriato paese viene quotidianamente distrutto da questi comunisti infami che desiderano aiutare gli africani e mettere in attesa noi poveracci e dileggiati italioti………. verrà il giorno in cui questi brutali aguzzini pagheranno il giusto fio per la loro vergognosa infamia.

  3. Che se li paghino loro e basta siamo stanchi di sti cazzo d’immigrati finti poveri noi italiani che siamo col lavoro o senza dobbiamo pagare tutto e se non ne hai sono cazzi nostri nessuno ci dà aiuto anzi cercano di sbatterci in strada tutti mentre sti bastardi fannulloni tutto regalato coi soldi nostri ma voi credete che gli italiani andati all’estero a lavorare e non a grattarsi le palle ricevano qualche aiuto dalle nazioni che li ospitano?Sveglia italiani è ora di fare la rivoluzione e cambiare sta nazione di pecoroni cagasotto svegliaaaaaa.

  4. Se nell’elenco di persone fragili si inseriscono: richiedenti asilo, extracomunitari, rumeni, albanesi ( che non mi risulta fuggano da guerre), allora in automatico NON ci sarà nulla per gli italiani fragili.
    Non si tratta di fare polemiche o esprimere principi politici o ideologici: succede esattamente così : gli italiani sono ultimi , in casa propria e raccolgono le briciole.
    Intanto rumeni, cinesi, marocchini… mettono su piccole ditte e negozi( edili, abbigliamento, bancarelle…) e si arricchiscono ( per loro niente controlli, niente tasse …)
    Italiani svegliamoci.

  5. Dovremmo provare anche noi, italiani a chiedere asilo a qualcuno: loro chiedono l’ asilo politico noi potremmo chiedere chesso ” l’asilo sanitario “visti i fequenei casi di malasanità e i costi dei ticket sanitari

Commenta