Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 dic – Vi stavate chiedendo che fine hanno fatto i parlamentari digiunanti per lo ius soli? Pensavate si fosse trattato di un bluff, una sparata per guadagnarsi qualche titolone sui giornali finalizzata a promuovere la legge per il diritto di cittadinanza degli stranieri? Vi sbagliavate di grosso, almeno nel caso di Monica Cirinnà, la senatrice del Pd nota per l’omonima legge sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso. L’indefessa parlamentare, celebre anche per aver dichiarato che “padre e madre sono un pregiudizio e uno stereotipo, un bambino non ha diritto ad averli”, non ha intenzione di rinunciare al suo personale digiuno. “Io voglio morire in battaglia, non mi voglio far dire da qualcuno che siamo stati pavidi e non abbiamo neanche tentato”, ha dichiarato a Un giorno da Pecora su RadioRai1.



La senatrice Pd ha spiegato la sua scelta così: “Sono dell’idea che senza la fiducia il testo sullo ius soli si può portare in aula e intanto si inizia la discussione generale”, specificando che da qualche giorno prende tre cappuccini zuccherati al giorno. “Anche se io non prendo lo zucchero”, ha sottolineato. “Stasera, per sostenermi, credo che dovrò metterlo. Ma secondo me già domani (oggi, ndr) lo sciopero potrebbe esser sospeso, perché capiremo la capigruppo che cosa determina. La Camera sta ritardando l’invio della legge di Bilancio in Senato, noi potremmo avere delle ore per affrontare questo testo”.

Black Brain

Insomma la Cirinnà non solo all’approvazione dello ius soli crede ancora nonostante sia difficile che avvenga prima della fine dell’attuale legislatura, ma è disposta a tutto pur di evocarlo. Anche a continuare il digiuno, a parte qualche cappuccino qua e là.

Alessandro Della Guglia

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. La cirinna’ per non finire nell’ oblio totale si lancia in una delle sue dichiarazioni impagabili , dopo quella modello genitore1 e genitore 2 ,non si capisce dove le nasca tanto odio verso i poveri genitori che si spaccano la schiena per portare avanti dignitosamente il quotidiano e per pagare le tasse che mantengono i faraonici stipendi di questi parlamentari che ci hanno regalato leggi utilissime per migliorare materialmente la vita di ogni suddito italico.

  2. io capisco che chi pensa che “padre e madre sono un pregiudizio” (!) abbia una singolare capacità di vedere le cose del mondo….

    ma a casa mia “cappuccino” si chiama COLAZIONE, non sciopero della fame.

Commenta