Il Primato Nazionale mensile in edicola
Paulo Dybala vs. Gonzalo Higuain (Goal.com)
Paulo Dybala vs. Gonzalo Higuain (Goal.com)

Torino, 13 feb – Tutto pronto, i motori sono rodati e le 20:45 dietro l’angolo. Juventus – Napoli non vale lo scudetto, ma la partita da tripla che si prospetta all’orizzonte è prova di forza a livello psicologico, una guerra di nervi con il traguardo lontano ancora 15 gare. La chiave di volta della sfida – che manderà in differita su Rai International la finalissima del Festival di Sanremo – si gioca in panchina, quel duello Maurizio Sarri contro Massimiliano Allegri uomini di Toscana con piani tattici agli antipodi. Da una parte il 4-3-3 partenopeo con il ritrovato Hamsik a fare da collante tra centrocampo e attacco, con Jorginho divenuto autentico leader nella cabina di regia azzurra dotato di piede e corsa. Per contro il 3-5-2 della Vecchia Signora con Khedira ristabilito pronto dal 1′ – insidiato da Sturaro – uomo, nelle gerarchie bianconere, capace di portare per mano la squadra assieme a Marchisio.

Tremano i polsi sopratutto ai napoletani, da 25 anni non sono la davanti a guardare negli occhi la Juventus e questa aria rarefatta può dare le vertigini. Ed è qui che subentra la nomination di miglior attore protagonista della serata, Paulo Dybala vs. Gonzalo Higuain. La Joya danza per il campo con il 21 che fu di Zinedine Zidane e dopo una partenza travagliata, con tanto di dito puntato da parte degli esegeti ancora legati alla 10 di Tevéz, ha dimostrato che i 40 milioni spesi in estate per acquistarlo sono stati un’inezia. L’enfant prodige capace di piegare gli avversari alla Sivori come contro la Lazio, stop di destro controllo di coscia e sinistro al fulmicotone, semplicemente il miglior giocatore di questa serie A.

Per ogni Batman un Joker ed il gustoso anti-divo di questo episodio è Il Pipita. Potenza, fierezza e ferocia. 24 partite giocate, in questo campionato, altrettante segnature realizzate. Quando la natura ti dona un destro e due spalle alle Jake La Motta portare a spasso difensori e spezzare le mani ai portieri diventa un’abitudine. Per capire cosa può fare Higuain basta guardare il goal siglato in Europa League contro il Legia VarsaviaMaradona nel corpo di Batistuta.

La fine è ancora un miraggio e questa sera sarà un bagno di sangue, tanto tatticismo, ma i colpi che faranno tremare la terra saranno lo spot di un calcio, quello italico, che si fa bello all’ombra del Sol de Mayo.

Lorenzo Cafarchio