Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bruxelles, 31 gen – Chi è Eleonora Forenza? Alzi la mano chi aveva sentito nominare l’eurodeputata di l’Altra Europa con Tsipras, distintasi fino ad ora per aver rappresentato al meglio i cittadini italiani grazie a una serie di interventi e azioni riconducibili al nulla più assoluto. Insomma, la Forenza non resterà certo impressa nella memoria di tutti noi, nonostante un curriculum da “guerrigliera” comunista che va dalle ricerche sugli studi gramsciani e le teorie femministe, alla lunga militanza in Rifondazione.
Al Parlamento europeo si erano un po’ perse le tracce di questa importante figura della politica italiana, ma per evitare l’oblio la Forenza ha deciso di intervenire “fortemente” per opporsi alla conferenza di Simone Di Stefano, segretario nazionale e candidato premier di CasaPound, che si terrà domani alle ore 14 a Bruxelles. L’incontro, organizzato dall’eurodeputato di Alba Dorata Eleftherios Synadinos, è incentrato sul tema della sovranità italiane e della possibilità di uscire dall’euro. Argomenti evidentemente indigesti a una strenua pretoriana dell’antifascismo internazionalista come la Forenza, che ha pensato bene di scrivere una lettera al presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani per scongiurarlo di impedire l’evento in programma.
“Cari colleghi, quella che segue è una lettera urgente indirizzata al presidente Antonio Tajani – scrive l’eurodeputata – che chiede di agire contro un evento organizzato domani da due organizzazioni fasciste all’interno del Parlamento europeo qui a Bruxelles. Appellandosi ai comuni valori antifascisti e democratici, io vi Chiedo fortemente di firmare la lettera rispondendo a questa email entro domani alle 11:00”. I comuni valori democratici, secondo la Forenza, sono essenziali per agire contro lo svolgimento di una conferenza, tanto più se organizzata da chi è stato democraticamente eletto dai cittadini della sua Nazione.
“Mentre si avvicinano le elezioni nazionali in Italia – scrive ancora l’eurodeputata in preda ai brividi antifascisti – potremmo vedere il candidato premier di un partito apertamente fascista come Casapound Italia, prendere la parola in Parlamento per diffondere la propaganda fascista, omofobica e razzista come fa ogni giorno in Italia. Pensiamo che il Parlamento europeo non possa permettere che ciò accada. Pensiamo che il fascismo e il razzismo non siano opinioni politiche da discutere, da nessuna parte e in particolare nelle democratiche istituzioni europee. Chiediamo il ritiro immediato dell’autorizzazione, per impedire che in qualsiasi sala del Parlamento europeo venga ospitato un evento del genere”. A un delirio simile, ci auguriamo che venga risposto al massimo con una fragorosa risata.
Alessandro Della Guglia

Sangue di Enea Ritter

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

9 Commenti

    • ….sarebbe molto interessante ricerche sulle formazioni RSI .Sulla storia, ideologia..ecce ecc ( preferisco la definizione RSI che fascisti…molto più attuale e molto meno ”generica”…)

  1. Questo essere piddino e rifondarolo rappresenta il peggio del comunismo italiota,le vere donne sono altre…… non sa cosa sia la parola onore e neppure la parola patria per cui un grazie a chi l’ha candidata così qualcuno si renderà conto della vergogna che spediamo in Europa a rappresentarci…….dopo tajano e kienga ovviamente.

  2. Questa gente è indefinibile …
    munirsi di zappa e iniziare a spalare , invece di restare li a rubare e dire cazzate!

  3. Rabbia : “Malattia infettiva virale a prognosi infausta (com. detta anche idrofobia ) che colpisce quasi tutti i Mammiferi e che può essere trasmessa all’uomo dal morso di animali domestici (part. del cane) e selvatici; è caratterizzata da lesioni nervose con spasmi muscolari specie a carico delle vie aeree superiori.”
    Consiglierei a SIMONE DI STEFANO di essere prudente e cercare di non farsi mordere … W I D S !

Commenta