Il Primato Nazionale mensile in edicola

Lodi, 4 apr – Cedere alle richieste, per non dire ai ricatti, di una confessione religiosa o per meglio dire di alcuni richiedenti appartenenti a una fede. Quando però si arriva a prendere decisioni assurde e pericolose, almeno dal punto di vista del messaggio che con queste inevitabilmente si manda, la situazione da grottesca si fa inaccettabile. E’ il caso dell’ospedale di Lodi, che ha messo al bando le membrane di origine suina in corsia e ha deciso di impiegare solo medici donna a disposizione delle pazienti per venire incontro alle esigenze delle donne di religione islamica.
Come riportato da Il Cittadino, il primario del reparto di Chirurgia plastica Daniele Blandini ha steso un protocollo ad hoc, che è stato approvato dalla direzione e concordato con la comunità islamica, nella moschea di via Lodi Vecchio. Si tratta del primo progetto in Italia. Un progetto che prevede anche l’assistenza di sole operatrici donna per le ammalate musulmane.
Una sorta quindi di progetto pilota, perché così facendo è evidente che in altri ospedali gli islamici possano avanzare richieste analoghe. Un precedente quindi che rischia di avere strascichi scongiurabili, se non altro perché siamo ancora uno Stato laico che non dovrebbe cedere al ricatto di nessuno, a prescindere dall’appartenenza religiosa.

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. Al netto di tutte le fregnacce che i politici come quelli della Lega, Fratelli d’Italia e pseudo destri per convenienza hanno sbraitato per anni, tutto sta procedendo secondo i piani.

  2. Vergognatevi, esseri indegni di definirsi italiani,questa è sottomissione e servilismo ad una cultura e ad una etnia arrogante e razzista che ci sterminerà non appena ne avrà l’occasione……..i maomettani , novelli padroni ,sorridono, mentre i ginecologi italiani dovrebbero rifiutarsi di “servire” tale orda barbarica …….. vadano a partorire in terra islamica e non rompano i coglioni. Che paese di merda, italiani schiavi, sudditi e proni sotto al gioco della casta infame e gli ospiti gratificati e rispettati come figli prediletti. Che schifo.

Commenta