Roma, 26 mag – Un vaccino contro il cancro efficace? Forse. I risultati di una ricerca statunitense, pubblicati da Tgcom24, sembrano incoraggianti.

Vaccino contro il cancro, la ricerca americana

La ricerca è americana, e genera qualche speranza nello sviluppo di un vaccino che faciliti la lotta contro il cancro. Il nuovo vaccino è stato testato su topi e scimmie, e secondo i risultati ottenuti sarebbe in grado di “bloccare” le cellule malate, praticamente eliminando le difese solitamente attuate dai tumori quando a loro volta “reagiscono” al sistema immunitario. Forse un vaccino universale, forse no, ma la partenza è stata decisamente positiva. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature e coordinato dal Dana-Farber Cancer Institute, con la partecipazione della Harvard Medical School. Luogo, ovviamente, Boston. Serviranno però nuove sperimentazioni in grado di avviare gli studi anche sull’uomo.

La differenza con i vecchi vaccini

Mentre le precedenti sperimentazioni di vaccino contro il cancro “insegnavano” al sistema immunitario ad attaccare le proteine che si trovavano sulle cellule tumorali, ma non erano riusciti a sviluppare una risposta immunitaria se non per specifici soggetti, lo studio guidato da Soumya Badrinath avrebbe avuto un corso diverso, perché sarebbe in grado di “superare le variazioni individuali perché ha come obiettivo due tipologie di cellule immunitarie, le cellule T e le cellule NK (Natural Killer)”.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Studio comparato, intelligente elaborazione dati, spirito preventivo… nullI?! Le Università vanno ribaltate e non asservite con movimenti paraculo, guerrafondai (mettete i fiori tossici nei vs. cannoni…), in favore di vento unidirezionale come quelli sessantottini.

Commenta