Il Primato Nazionale mensile in edicola

Buenos Aires, 4 nov – avevano destato preoccupazione le condizioni di salute di Diego Armando Maradona negli ultimi giorni. Alla fine, si è accertato che era un ematoma al cervello la causa dei repentini cambi d’umore del Bomber argentino. Oggi il Pibe de oro è stato operato alla testa : l’operazione sembra riuscita e la famiglia non nasconde il sollievo.

L’operazione di Maradona

Diego Armando Maradona è finito sotto i ferri per rimuovere un ematoma subdurale, ovvero un accumulo di sangue tra tessuto celebrale e cranio, che negli esami è risultato evidente nella parte sinistra del cranio. Maradona è stato trasportato dall’Instituto Ipensa di La Plata alla Clinica Olivos di Buenos Aires: è entrato in sala operatoria poco dopo le 21 ora locali (l’1 di notte per noi). L’intervento è durato circa un’ora e 20 minuti.

La famiglia avrebbe ‘ritardato’ l’operazione 

Nel frattempo, I figli dell’ex calciatore hanno chiesto di essere pienamente coinvolti nelle prossime decisioni che riguardano il papà. Secondo il principale quotidiano argentino, la famiglia “aveva messo in dubbio la decisione di operare presa ore prima dal medico e ha anche chiesto di ritardare l’intervento”.

Diego Jr. : “Dette molte inesattezze” 

“L’ultimo contatto l’ho avuto con una mia zia alle 8 di questa mattina, è stata una nottata difficilissima, insonne, per il trascorso clinico di mio padre ogni operazione diventa un po’ preoccupante, ma ha reagito benissimo, è nelle mani di una equipe medica di altissimo livello. Siamo felici che si sia svegliato bene e che tutto si andato per il meglio” ha detto a Sky il figlio di Maradona, Diego jr. “Sono state scritte tante cose inesatte. Noi come familiari abbiamo sofferto molto della dipendenza di mio padre in passato ma ne è uscito alla grande, non c’è assolutamente nessun problema a riguardo. Mio padre inoltre non ha il covid, per fortuna. L’origine di questo trauma non lo conosciamo, probabilmente avrà preso qualche botta in qualche caduta. Attraversava un momento emozionale un po’ complicato, era un po’ triste ma noi abbiamo imparato a conoscerlo e sappiamo che lui nella sua vita ha vissuto tanti alti e bassi dal punto di vista emotivo e non ci aveva preoccupato”.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta